Genetica: trovato il gene che causa l'arteriosclerosi

C’e’ un gene che amplifica il rischio di arteriosclerosi, la malattia cardiovascolare piu’ pericolosa perche’ fattore promuovente di ictus e infarto. L’hanno trovato gli scienziati della Keck School of Medicine dell’Universita’ del Sud della California e della David Geffen School of Medicine presso l’Universita’ di Los Angeles che ora sperano di usare questa informazione come base per un test genetico per stimare il rischio individuale della malattia e poi di ideare nuove cure. E’ la prima volta che si trova un gene cosi’ profondamente implicato in questa patologia, finora tutti i legami genetici rintracciati erano deboli e ristretti a pochissime famiglie, quindi di scarso rilievo per la popolazione generale. Il gene si chiama 5-lipo-ossigenasi (ALOX5) e, come riferito sulla rivista New England Journal of Medicine, si puo’ presentare in piu’ forme diverse. Gli individui portatori di una di queste forme, circa il 20% di afro-americani e meno del 5% delle persone di pelle bianca, sono ad altissimo rischio arteriosclerosi. Il rischio associato a tale variante di ALOX5, aggiunge uno degli autori dello studio James Dwyer, e’ tanto piu’ alto quanto piu’ lo e’ il consumo di certi grassi nella dieta degli individui portatori della mutazione. La scoperta si e’ basata sull’analisi di 470 adulti, uomini e donne di mezza eta’ seguiti per 18 mesi per vedere la loro dieta e monitorare l’ispessimento delle pareti delle loro arterie. I soggetti sono stati poi sottoposti ad uno screening genetico che, sulla base di alcuni indizi derivati da precedenti studi, ha preso di mira ALOX5. Cosi’ gli scienziati hanno trovato che le pareti dei vasi erano ben il 18% piu’ spesse tra coloro che nel DNA avevano quella variante del gene. Inoltre hanno visto che, tra quanti avevano la mutazione, i piu’ a rischio erano quelli con una dieta ricca di grassi polinsaturi come l’acido arachidonico e linoleico, derivanti rispettivamente da carne e certi tipi di olio. Le pareti arteriose di questi individui si ispessivano molto piu’ rapidamente che nel resto del campione. Mentre i soggetti che mangiavano in modo piu’ salutare prediligendo una dieta ricca di grassi omega-3, da pesci come il salmone, risultavano protetti dalla malattia pur con la mutazione. Anche se le indagini devono continuare gli scienziati credono di aver fatto centro, infatti ALOX5 e’ un enzima che converte i grassi in sostanze infiammatorie che si pensa siano implicate nella genesi dell’arteriosclerosi.

Lascia un commento