Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Fantozzi batte infarto 1 a 0

Ridere fa bene al cuore, e non solo in senso figurato: un recente studio condotto presso l’Università del Maryland ha infatti evidenziato come un paio di buone barzellette possano avere effetti benefici sulle funzionalità del sistema circolatorio. La ricerca ha preso spunto dall’osservazione degli effetti dello stress sul sistema cardiovascolare: il nostro organismo reagisce alle situazioni più difficili producendo adrenalina e noradrenalina, due ormoni che provocando la restrizione dei vasi causando un aumento della pressione del sangue. Tale aumento a lungo andare può condurre all’infarto, ecco perché i medici raccomandano alle persone a rischio di intervallare il lavoro con attività distensive e rilassanti.
Questione di misure. Grazie a uno speciale strumento ad ultrasuoni, Michael Miller ha analizzato gli effetti dello stress e del buonumore sul diametro dell’arteria brachiale, un grosso vaso sanguigno che corre dalla spalla al gomito. I ricercatori hanno esposto 10 uomini e 10 donne alla visione di alcune scene cinematografiche ad alto contenuto di violenza o ad alto contenuto umoristico. In un organismo sano, i vasi sanguigni devono dilatarsi rapidamente dopo essere stati sottoposti a una costrizione: i ricercatori hanno quindi esercitato una pressione sulle arterie brachiali dei volontari, e hanno misurato quanto tempo hanno impiegato a tornare alla loro dimensione originale. In 19 casi, il riso ha avuto un effetto positivo sui tempi di recupero. In media, dopo una sana risata, le arterie si sono dilatate con tempi più bassi del normale, mentre hanno impiegato più tempo nei soggetti esposti a scene stressanti.
Gli effetti positivi del ridere sono probabilmente correlati al rilascio di endorfine, ormoni che hanno un ruolo importante nella riparazione dei vasi sanguigni danneggiati. Un’altra ipotesi suggerisce che ridere contribuisca al rilascio di ossido nitrico, un gas che influisce sul rilassamento di una parte dei vasi sanguigni nota come endotelio.
In attesa di ulteriori conferme, il suggerimento dei medici è comunque quello di affrontare la vita con il sorriso sulle labbra: ridere non ha effetti collaterali.

Lascia un commento