Etichettatura: Movimento Consumatori attiva numero verde

Al fine di raggiungere un elevato livello di tutela della salute dei consumatori e garantire il loro diritto ad essere informati, considerando che alcuni ingredienti utilizzati nei prodotti alimentari sono all’origine di allergie o di intolleranze per alcune persone, la Comunità Europea ha adottato una Direttiva (2000/13/CE), che obbliga i produttori ad indicare in etichetta tutti gli ingredienti che possono creare allergie o intolleranze alimentari, anche se presenti in minime quantità.
Le previsioni comunitarie sono entrate in vigore il 25 novembre 2003, ma è stata consentita la vendita con le vecchia etichettatura fino al 25 novembre 2005. Dopo questo termine, è consentito vendere prodotti con la vecchia etichettatura solo se etichettati precedentemente e fino ad esaurimento scorte. Il Movimento Consumatori ha attivato un numero verde (800.774.770) per permettere ai consumatori di segnalare inadempienze ed etichettature non corrette.
“In merito alle nuove etichette – afferma Beppe Riccardi, responsabile del settore alimentazione del Movimento Consumatori – la nostra associazione, che ha sempre sostenuto la trasparenza delle informazioni in tema di alimenti, invita i consumatori a prestare particolare attenzione alla correttezza delle etichettature e a segnalare eventuali irregolarità al nostro numero verde.”
Ecco l’elenco degli allergeni che dovremo trovare indicati in etichetta:
cereali contenenti glutine, crostacei, uova, pesce, arachidi, soia, latte, frutta a guscio, sedano senape sesamo, anidride solforosa e solfiti (solo se superiore a 10 mg/Kg o ml).
Si attende a giorni il decreto legislativo, che doveva essere adottato entro novembre, e che deve stabilire la soglia al di sopra della quale devono essere indicate in etichetta queste sostanze, le procedure di autocertificazione che le imprese devono adottare e le modalità per le indicazioni in etichetta, al fine di garantire un’adeguata leggibilità da parte dei consumatori.

Lascia un commento