Accordo Ministero-Federfarma per sconto sui medicinali.

Il Ministro della Sanità Storace e il Consiglio di Presidenza di Federfarma presieduto da Giorgio Siri si sono accordati per una più scrupolosa attuazione della recente legge 149/2005 riguardante i farmaci di fascia C, ovvero quelli totalmente a carico dei cittadini.
Da parte sua Federfarma si è impegnata a invitare le farmacie a praticare lo sconto massimo possibile (il 20%) sui prodotti che non richiedono ricetta medica (SOP e automedicazione), sconti che dovranno essere esposti in apposite vetrofanie al fine di una maggiore informazione, oltre a spingere i farmacisti a proporre, come previsto dalla legge, l’acquisto di medicinali equivalenti meno costosi in caso di prodotti prescritti con ricetta. Oltre a questi ultimi provvedimento Federfarma si è poi assunta l’onere di promuover campagne di sensibilizzazione sul corretto utilizzo del farmaco e sul sistema di garanzie messo in opera dalle farmacie.
Il Ministero invece si adopererà nella costituzione di un tavolo di discussione con Federfarma e Farmindustria al fine di tenere sotto controllo i prezzi dei medicinali non a carico del SSN. In più Storace lavorerà anche per maggiori garanzie riguardo la sicurezza dei prodotti di automedicazione e dei cosiddetti integratori alimentari, dei quali sarà vietata almeno temporaneamente la vendita self-service e che necessiteranno del nome del principio attivo accanto alla dicitura commerciale.
Un’insieme di provvedimenti dovuti soprattutto alle reiterate proteste delle associazioni dei consumatori che hanno lamentato sconti effettivi del 20% solo in una farmacia su dieci.
Si è detto soddisfatto dell’accordo il Ministro delle Politiche Sociali Gianni Alemanno: “Il protocollo d’intesa firmato dal Ministro della Salute Storace e la Federfarma è un importante risultato a sostegno delle politiche sociali – sostiene il Ministro – ”L’applicazione della legge rappresenta un significativo sostegno al potere d’acquisto delle classi sociali meno abbienti e anche una significativa tutela del ruolo e della professionalità dei farmacisti”.

Lascia un commento