Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Messa a punto la "carrozzina intelligente"

Grazie alla collaborazione fra il team medico di Carlo Caltagirone (Presidente SINeG e Direttore Scientifico dell’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma) ed un gruppo di ricercatori spagnoli guidati da Ulisses Corte’s dell’Universidad Politecnica De Catalunya di Barcellona è stata messo a punto una carrozzina in grado di supplire alle deficienze cognitive e motorie di molti pazienti. Il nuovo prototipo è in grado, grazie a sofisticati software di rispondere ai comandi del paziente ed anche di correggere eventuali errori di direzione da parte del “guidatore”, impedendo così possibili scontri con eventuali ostacoli. Il macchinario, dotato inoltre di un sistema GPS che permette ai medici una precisa localizzazione, sarà utile anche ai ricercatori (neurologi, geriatri) che potranno analizzare la durata dei momenti di lucidità dei malati, valutandone eventuali miglioramenti.
L’esemplare, la cui realizzazione è costata 130.000 euro, sarà dapprima utilizzato nelle strutture ospedaliere ma non è escluso una successiva utilizzazione generalizzata, soprattutto se l’UE concederà un adeguato finanziamento.
Queste le dichiarazioni rilasciate dall’Ing. Cortes: “questo risultato è stato possibile solo grazie alla cooperazione tra medicina ed ingegneria, una sinergia importante che in futuro dovrà essere assolutamente rafforzata”.
Un passo avanti di importanza strategica, quello compiuto dall’equipe italo-iberica, soprattutto se rapportato ad alcune impressionanti cifre riguardanti le malattie di degenerazione cognitiva, Alzheimer in primis, recentemente presentate proprio dalla società italiana di Neurogeriatria guidata dal prof. Carlo Caltagirone: 25 milioni i malati di Alzheimer nel mondo, 800mila in Italia (150mila nuovi casi ogni anno). Circa il 6,4% della popolazione ultrasessantacinquenne è vittima della demenza senile. Un problema enorme soprattutto nel nostro paese, in considerazione dell’età media (fra le più alte al mondo) costantemente in aumento della popolazione italiana.

Lascia un commento