Scrivere aiuta l'amore. Lo confermano alcuni studi

L’amore, quel coacervo di sentimenti che sovverte abitudini e stili di vita in chi ne è coinvolto e spesso rende stabili a lungo coppie purchè il nobile sentimento sia costantemente alimentato, va tenuto vivo come la fiamma di un camino. La riprova adesso ce la danno due ricercatori del Texas che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista Psychological Science: secondo il gruppo di studi, infatti, l’amore per poter durare di più nel tempo ha bisogno non solo di gesti e parole, ma anche della scrittura, quella stessa che nelle ultime generazioni s’è fatta sempre più rara.
Per arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno basato il loro lavoro scientifico sull’osservazione di 86 coppie disposte a sottoporsi al curioso esperimento e da questo è emerso che, quando ad uno dei due componenti della coppia era richiesto di scrivere per 20 minuti al giorno per tre giorni consecutivi delle proprie giornate e delle proprie emozioni, fuori da quelle di coppia, il rapporto durava meno, mentre laddove il partner si dilungava più a lungo, nelle lettere, parlando della loro relazione e progettando insieme il futuro, il rapporto era più stabile e durava più a lungo.
Un altro elemento importante scaturiva anche dalla constatazione che parole come “felicità” e “amore”, usate con più frequenza, servivano a rinfocolare e rendere più stabile il rapporto, come dire che in qualsiasi unione, anche la più razionale possibile, quel pizzico di romanticismo non solo non guasterebbe l’unione stessa, ma addirittura l’alimenta fino a renderla (quasi) indissolubile.
“Le persone che riescono a esprimere di più le loro emozioni, sia nello scritto che direttamente con il partner, hanno una maggiore possibilità di migliorare la longevità della loro relazione”, è la conclusion dei ricercatori.

Lascia un commento