Over 50 in movimento per prevenire malattie osteoarticolari

Oltre la metà degli italiani con più di 50 anni si dedica all’attività fisica più di una volta alla settimana, il 20% dichiara di esercitarsi a giorni alterni, mentre il 38% vanta una frequenza di due volte a settimana. L’identikit delle abitudini sportive degli italiani over 50 emerge da un’indagine realizzata per iniziativa di Unieda, l’Unione Italiana di Educazione degli Adulti, associazione che promuove programmi di formazione ed educazione continua per la popolazione adulta.

Ma se la maggioranza assoluta delle persone avanti con gli anni si è “data una mossa”, resta il problema di una quota di popolazione quasi analoga (47,3%) refrattaria a qualsiasi attività fisica: il 33% non ha mai fatto sport, mentre il 13,8% per un motivo o per l’altro ha appeso le scarpette al chiodo.
Le persone che non si muovono rischiano di compromettere la loro salute, con un aumento del rischio per le malattie cardiovascolari, obesità, diabete, fino ai tumori, esponendosi ad un peggioramento dei sintomi delle malattie osteoarticolari, delle quali soffre il 60% del campione e che in Italia affliggono oltre 4 milioni di persone, con pesanti ricadute in termini sanitari e sociali.

E proprio per incoraggiare le persone over 50 a “darsi una mossa” e a combattere attraverso l’esercizio fisico i problemi osteoarticolari, Unieda in collaborazione con Upter Sport e con il contributo di Merck Sharp & Dohme promuove la campagna nazionale Muoviti Muoviti – Attivi contro il dolore. Nelle prossime settimane, in dieci città italiane si svolgeranno, presso le sedi locali Unieda, incontri tenuti da un istruttore Upter Sport e un reumatologo che forniranno informazioni e consigli per combattere al meglio le malattie reumatiche.

“L’obiettivo di questa campagna – ha affermato il presidente di Unieda Francesco Florenzano – è di promuovere una maggiore conoscenza delle malattie osteoarticolari e delle nuove terapie nonché suggerire un corretto stile di vita basato sull’importanza di una regolare e moderata attività fisica”.

Testimonial della campagna è Gianni Rivera, l’indimenticato “golden boy” del calcio italiano che continua a occuparsi di sport, nelle vesti di parlamentare europeo e di consigliere per le politiche sportive del comune di Roma, e a praticarlo, a dispetto dei problemi reumatici di cui ha sofferto.

Lascia un commento