Sclerosi multipla: speranze dalle cellule staminali

Grazie a una ricerca tutta italiana, i ricercatori dell’Universit� di Genova, in collaborazione con altre aziende ospedaliere italiane, sono riusciti a bloccare l�avanzamento della sclerosi multipla con un trapianto di cellule staminali adulte ottenute dal midollo osseo. Il trapianto potrebbe finalmente rappresentare una nuova possibilit� terapeutica per la sclerosi multipla, per la quale attualmente non esiste una cura risolutiva.

La sperimentazione sull�uomo partir� gi� nel 2008, con la speranza che queste cellule possano bloccare la progressione della sclerosi multipla nelle forme pi� severe che non rispondono positivamente alle terapie gi� disponibili e proteggere le cellule cerebrali non ancora danneggiate. Ancora non si conoscono le cause della sclerosi multipla, e attualmente non esiste una cura risolutiva per le 54.000 persone che in Italia sono colpite dalla malattia.

La ricerca � stata condotta da Antonio Uccelli, responsabile dell�Unit� di neuroimmunologia del Dipartimento di Neuroscienze dell�Azienda Ospedale S. Martino e Universit� di Genova in collaborazione con Gianluigi Mancardi, dello stesso Dipartimento, Francesco Frassoni, Direttore del Centro per le Cellule Staminali e Terapia Cellulare dell�Ospedale di Genova e Rosetta Pedotti dell�Istituto C. Besta di Milano.

�� la prima volta – ha dichiarato Uccelli – che una malattia autoimmune viene curata con questo tipo di cellule. � un passo molto importante, perch� queste cellule hanno il grande vantaggio di essere prelevabili dal midollo osseo con relativa facilit� e sono gi� state utilizzate usate nell�uomo in alcune particolari condizioni cliniche. Per questo ritengo che il passaggio all�uomo sia vicino anche nella sclerosi multipla�.

Lascia un commento