Mangiare e non ingrassare, possibile secondo una ricerca britannica

Buone notizie per chi ha problemi di linea e non vuole rinunciare ai piaceri della tavola. Un giusto mix di sostanze nutritive nel menù, in particolare proteine, è più importante per invecchiare in salute che limitarsi a ‘tagliare’ le calorie. Anche perché quest’ultimo approccio può comportare una riduzione della fertilità. Lo suggerisce una ricerca pubblicata sull’ultimo numero della prestigiosa rivista ‘Nature’.

Lo studio condotto dai ricercatori dell’Institute of Healthy Ageing dell’University College di Londra, ha indagato sugli effetti di restrizione calorica e dieta bilanciata nei moscerini della frutta. Gli scienziati hanno così scoperto che sia il fatto di vivere meno mangiando troppo, che il rischio di una ridotta fertilità se si assume troppo poco cibo, sono causati da uno squilibrio negli aminoacidi della dieta. Solo queste sostanze si sono rivelate cruciali per longevità e fertilità, mentre zuccheri, vitamine e lipidi hanno provocato effetti scarsi o nulli.

In particolare, è un singolo aminoacido chiamato metionina ad ampliare al massimo la durata della vita, senza ridurre la fertilità degli organismi. Gli aminoacidi sono i “mattoncini della vita” che formano le basi delle proteine. Queste sono contenute in quantità in alimenti come semi di sesamo, noci brasiliane, germe di grano, pesce e carne. Benché lo studio sia stato condotto sui moscerini della frutta, l’effetto della restrizione alimentare si conserva anche nei mammiferi e nell’uomo. Dunque, secondo i ricercatori britannici, in futuro si potrebbe arrivare a ottenere tutti i benefici, in termini di salute e longevità, garantiti da un menù composto dal giusto mix di elementi nutrizionali.

Ma non è tutto. Sempre su ‘Nature’ un gruppo di ricercatori svizzeri illustra le virtù di una proteina del cervello, che ha un ruolo chiave nel regolare l’assunzione di cibo. Il team di scienziati dell’Eth di Zurigo ha scoperto, in uno studio nei topi, che metodi per potenziare i livelli di questa proteina (Foxa2), potrebbero migliorare il metabolismo e la salute generale. Foxa2, infatti, regola direttamente l’espressione di due proteine, orexina e Mch, nell’area ipotalamica laterale, quella che ospita il “centro della fame” nel cervello. I ricercatori hanno mostrato che dopo un pasto il sistema di segnalazione dell’insulina rende Foxa2 inefficace. E di conseguenza si interrompe la produzione delle due proteine “nel mirino”. Ma nei topolini geneticamente modificati, in cui Foxa2 è perennemente accesa, la produzione delle due proteine è maggiore. In questo modo le cavie mangiano di più, si muovono di più, hanno un metabolismo accelerato. Accendere questo interruttore negli animali obesi li porta a ridurre l’indice di massa corporea e i livelli di grasso. Insomma, Foxa2 agisce come una sorta di sensore metabolico nel cervello. Capace di influire su peso, fame, alimentazione e attività fisica. Due scoperte che potranno aiutare chi ha problemi di linea.

Lascia un commento