Il gruppo ospedaliero San Donato ha messo a punto un progetto che si chiama “Eat, Alimentazione sostenibile” e consiste nell’installare distributori di snack sani come frutta, verdura e yogurt sia nei maggiori ospedali sia nelle stazioni della metro, e di predisporre inoltre un servizio di catering con menù composti da ricette approvate da nutrizionisti.L’idea nacque nel 2009 come acronimo di “‘Educazione alimentare teenagers” e lo scopo era quello di entrare nelle scuole e parlare ai giovani di 12/13 anni spiegando loro l’importanza di sostituire le merendine tradizionali, ricche di grassi e zuccheri, con snack più sani, e nel contempo invitandoli a fare sport.”In due anni – spiega Gilda Gastaldi Rotelli, ideatrice di “Eat” – la percentuale di bambini obesi si è ridotta del 10%”.E quindi perchè non passare agli adulti? (Fonte: Greenme.it)

[themoneytizer id=17261-16]