E' Ferrara la città verde a misura di ragazzo

La città degli Este garantisce ai bambini la migliore qualità della vita. Secondo uno studio di Legambiente, al secondo posto dietro Ferrara c’è Pesaro, poi Firenze, Ravenna e, a sorpresa, una città del Sud, Caltanissetta. L’unica meridionale presente in classifica, assieme a Napoli. Carbone a molte città italiane: Milano, Trieste, Taranto e Siracusa. Il rapporto di Legambiente è arrivato all’ottava edizione, si chiama Ecosistema Bambino 2005 e riguarda i ragazzi sino a 14 anni. Ha toccato tutti i 103 comuni italiani, ma 15 non hanno risposto al questionario e fra questi due metropoli: Bologna e Palermo. Rispetto agli ultimi anni, comunque, le grandi città vanno meglio: Torino, Genova, Roma e anche Napoli.

Lo studio valuta le forme di partecipazione avviate dai comuni per favorire un ruolo attivo dei bambini nella città, le strutture dedicate alle politiche per l’infanzia, il rapporto dei Comuni con le associazioni no profit, i servizi di aggregazione e animazione culturale.
In classifica Ferrara ha 86 punti, mezzo in più di Pesaro, uno e mezzo più di Firenze. Torino è sesta, con 82 punti, ottava Genova a 80,25, Roma è a quota 79,5. Napoli è sedicesima, con 74,25 punti. Cresce l’attenzione dei Comuni per le strutture dedicate all’infanzia, diminuisce però l’impegno nel far partecipare i ragazzi alle decisioni che riguardano le città.

A favore del primato di Ferrara ci sono molti punti: il Comune riserva un budget specifico ai bambini, e si progettano aree verdi con l’aiuto di esperti. Poi ci sono la sicurezza dei percorsi casa-scuola e i progetti di riqualificazione. “Saremo grandi – osserva l’assessore all’Ambiente, Mariella Michelini – proprio se considereremo molto i più piccoli”.

Lascia un commento