Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

La Commissione lancia il programma “Esperienza impresa”

Anziché occuparsi della redazione di testi legislativi, 350 funzionari della Commissione saranno impegnati nella cottura del pane, in lavori di falegnameria o nella riparazione di canalizzazioni di gas e di petrolio …e il vicepresidente Verheugen e il suo gabinetto non faranno eccezione. Grazie al programma “Esperienza impresa”, tutti gli amministratori (cioè coloro che svolgono mansioni amministrative e consultive, compresa la stesura di testi legislativi e la verifica dell’applicazione della legislazione in vigore) della Direzione Generale per le imprese e l’industria andranno a lavorare per una settimana in una PMI.
Questo programma fuori del comune ha lo scopo di migliorare la conoscenza che i 350 amministratori della Direzione Generale hanno delle imprese, in particolare le PMI. “Esperienza impresa” aiuterà i funzionari della Commissione a comprendere meglio le necessità delle PMI e a valutare meglio i problemi specifici delle imprese.
Per la Commissione questa azione contribuirà anche a raggiungere una migliore qualità dei testi legislativi nel quadro della sua campagna “legiferare meglio”.
Nel 2006 i funzionari interessati da questa formazione saranno circa 50. Entro il 2009 i circa 350 amministratori della DG Imprese dovrebbero aver trascorso una settimana all’interno di una PMI, osservando l’attività del personale e acquisendo un’esperienza delle varie funzioni o dei vari reparti dell’impresa. Per allargare l’esperienza di formazione, i tirocinanti visiteranno di preferenza un’impresa operante in un settore diverso da quello per il quale hanno una responsabilità diretta nella loro attività abituale.
Per questo programma la DG Imprese agisce in stretta cooperazione con tre organizzazioni professionali: UNICE (Unione delle confederazioni industriali europee), UEAPME (Unione europea dell’artigianato e delle piccole e medie imprese) ed Eurochambres (Associazione europea delle camere di commercio e d’industria), le quali stabiliranno l’elenco delle potenziali imprese ospitanti.

Lascia un commento