Urbanizzazione: sfida verso uno sviluppo più equilibrato

Aprono oggi i lavori al World Urban Forum, nato sotto l’egida delle Nazioni Unite a fronte di uno dei problemi più urgenti che il mondo si trovi a dover affrontare: una rapida urbanizzazione e il suo impatto sulla vita delle comunità, delle città, sull’economia e la politica. Secondo le proiezioni, entro 50 anni due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle città. In questa prospettiva, una delle maggiori sfide è la riduzione della povertà negli agglomerati urbani e una maggiore facilità di accesso per la fascia povera della popolazione a strutture fondamentali quali alloggio, acqua pulita, servizi sanitari. Nel complesso, creare uno sviluppo e una crescita urbani che siano sostenibili e non danneggino l’ambiente.

Il World Urban Forum, che ha cadenza biennale, richiama un’ampia gamma di operatori dalle ONG, organizzazioni di comunità, professionisti del settore e accademici, e rappresentanti dei diversi governi e delle autorità locali, nazionali e internazionali, che rappresentano governi locali, offrendo a tutti gli interlocutori una piattaforma comune per discutere i diversi problemi urbani, sia a livello ufficiale che su un piano informale, e dalla quale far emergere proposte concrete volte a creare città sostenibili.

Lascia un commento