Ban Ki-Moon sottolinea il ruolo delle religioni per la pace

Tutte le religioni mondiali devono svolgere un ruolo cruciale nel costruire e cementare la pace globale, ha dichiarato nei giorni scorsi il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon a un incontro fra le religioni svoltosi in Asia. In un video messaggio inviato all’Assemblea generale della Conferenza Asiatica delle Religioni per la Pace, svoltosi a Manila, Ban Ki-moon ha chiesto alle religioni di lavorare insieme alle Nazioni Unite per costruire la pace.

“L’Asia è il crogiolo delle grandi religioni che condivide nobili valori seguiti dall’umanità intera, valori quali compassione, giustizia e pace”, ha detto. “Tuttavia l’umanità genera così tanti conflitti in nome della religione. Per questa ragione le organizzazioni come la vostra sono così importanti”.

Ban Ki-moon ha richiamato l’attenzione sul fatto che le Nazioni Unite hanno ideato l’Alleanza delle Civiltà, che riunisce leader religiosi, governi, filantropi, corporazioni, media, università e attivisti per la stessa ragione. “Lavorando con un gran numero di partner, alle Nazioni Unite e fuori dalle Nazioni Unite, l’Alleanza affronta le condizioni che consentono l’esacerbarsi degli estremismi, contribuendo a creare il fondamento per la pace”.

Nei prossimi giorni, dal 10 al 14 novembre, la Federazione Interreligiosa per la Pace nel Mondo avvierà i lavori per la 7a Conferenza Internazionale sulla Pace e l’Azione Non Violenta. Questa conferenza è differente dalla maggior parte delle altre conferenze in quanto non è di carattere meramente accademico. A prescindere dallo scambio di idee al più alto livello possibile, vige il convincimento che la pace non sia soltanto un argomento di discussione e il coinvolgimento di buone idee, ma che la pace appartenga all’intrinseca natura degli stessi esseri umani.

Numerosi problemi nel mondo, tra cui l’aggressività, sono una manifestazione o un riflesso dei problemi intrinseci di ogni uomo o donna, e del genere umano nella sua totalità. Questa conferenza non è soltanto intellettualismo, ma porta la gente a un riconoscimento della pace interiore e ad una comprensione più profonda di ciò che in realtà è “pace”. Cambiare lo stile di vita è di primaria importanza per l’umanità, specialmente nel lungo periodo.

La conferenza è organizzata da Anuvrat Global Organization (ANUVIBHA), un centro transnazionale per la pace e l’azione non violenta associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle Nazioni Unite, ed è sponsorizzato da diverse organizzazioni riconosciute a livello internazionale.

Lascia un commento