Europee 2009 anche le persone down al voto

Anche le persone affette da sindrome down e da disabilità intellettiva hanno votato consapevolmente alle elezioni europee del 2009. Questo lascerebbe sperare il progetto M.O.T.E. “My opinion, my vote”, presentato il 20 marzo scorso, in occasione della Giornata mondiale delle persone con sindrome di Down 2009. Un piano di lavoro, finanziato dalla Comunità Europea all’interno del programma Lifelong Learning Programme, basato sull’ormai rinomata tecnica dell’E-learning.

Centro del progetto è infatti un sito web, www.myopinionmyvote.eu, che grazie all’utilizzo di un linguaggio semplice e chiaro, risponde ai criteri di accessibilità, usabilità e comprensibilità per chi è affetto da disabilità intellettiva. Il suo fine è quello di orientare al voto consapevole le persone con problemi intellettivi. Anche il logo del progetto, alcune mani protese in alto su sfondo blu, lascia intendere, che il suo fine è quello di “dare potere”, equiparare, in tutto e per tutto, attraverso l’impiego di un linguaggio che rifugge ogni tranello, i cittadini con problemi intellettivi, a tutti gli altri nel godimento del più importante diritto politico: il diritto di voto.
Come ogni altro cittadino, anche un individuo affetto da sindrome down ha le proprie idee politiche e le sue proprie opinioni, deve perciò esercitare il proprio diritto di voto ed incidere alla formazione delle decisioni pubbliche.

L’idea di utilizzare la tecnica la rete internet e la diffusione di informazioni a distanza per coinvolgerli e renderli consapevoli non è una scelta casuale, ma legata alla volitiva capacità di apprendimento che contraddistingue le persone affette da sindrome down. L’educazione continua è l’unica strada per alleviare i loro handicap, non a caso i genitori di questi soggetti seguono la strada del continuo insegnamento, anche delle cose più ovvie, sin dall’infanzia.

L’utilizzo del sito www.myopinionmyvote.eu, è reso facile, non solo per l’impiego di un linguaggio semplice, ma anche perché ogni concetto è supportato da immagini che permettono di capire esaustivamente tutto sul tema della” politica”. Presenta infatti sezioni generiche che spiegano “ cos’è la politica” o “cos’è l’ Europa” per poi fornire informazioni più specifiche riguardo a partiti politici, programmi elettorali e procedure di voto.

Il programma multilingue, finanziato dall’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura, è disponibile nelle lingue dei paesi aderenti: italiano, inglese, spagnolo, danese, maltese, ungherese. A rappresentare il Bel Paese e promuovere il progetto l’Associazione italiana persone down (Aipd), che da anni si batte per l’integrazione di queste persone nella società, ma anche e soprattutto per modificare, i molti pregiudizi e luoghi comuni che spesso accompagnano le persone affette da sindrome di Down, due obiettivi che M.O.T.E. – “My Opinion My Vote”, abbraccia pienamente.

Lascia un commento