32 medaglie ad Atene, ma non solo

Ben 32 medaglie e 94 podi: sono i numeri dei nostri atleti, che durante i Giochi Olimpici di Atene ci hanno regalato emozioni indimenticabili. 13 sono gli sport con cui gli azzurri hanno conquistato le preziose medaglie: dalle discipline individuali a quelle di squadra, lo sport italiano è più in forma di quanto pensassimo, avendo superato qualsiasi pronostico. Non è quindi solamente il calcio l’unico capitolo a riempire le pagine delle testate sportive italiane. “E’ stata un’Italia fantastica, premiata da ascolti record”, ha commentato il presidente del Coni Petrucci. Le ferie di agosto, un classico italiano, non hanno quindi impedito ai telespettatori di seguire gli eventi sportivi che, tornati nella loro terra di origine, hanno assunto un significato ancora più importante. Tutti contenti quindi, a partire dal nostro Presidente della Repubblica Ciampi, che ha sostenuto e incoraggiato a più riprese i nostri atleti, dando loro la carica emotiva necessaria e indispensabile per superare le prove.
Ma non sono state solo le Olimpiadi a riempire di cronache felici le nostre pagine sportive. In Formula 1 la Ferrari ha vinto per la quinta volta consecutiva il titolo mondiale Costruttori, e con lei il suo pilota di punta, Michael Schumacher, domenica scorsa si è laureato per la settima volta Campione del Mondo: un record assoluto.
Attendiamo ora che Valentino Rossi e gli altri piloti italiani ci regalino altre soddisfazioni nel motociclismo, dove il campionato è ancora aperto. Non mancheranno sicuramente nuove emozioni nello sport in cui i piloti e le case italiane hanno sempre saputo distinguersi.
Infine, ma non ultima, una vittoria particolarissima, forse la più bella: quella dell’allenatore della Roma Cesare Prandelli. A soli due mesi dall’assunzione dell’incarico, l’allenatore giallorosso annuncia le sue dimissioni per stare a fianco alla moglie Manuela, dopo esserle stati diagnosticati gravi problemi di salute. “Cesare mi ha dato la più grande dimostrazione d’amore che un marito possa dare alla propria moglie”, ha commentato Manuela. Un esempio commovente, un vero regalo d’amore, che rappresenta già una vittoria di fronte al male che l’ha colpita. Commozione e solidarietà sono state espresse dai calciatori, dal presidente della squadra, e naturalmente da tutti noi!

Lascia un commento