L’Italia della scherma domina gli Europei

Valentina Vezzali dopo la vittoria alle Olimpiadi di Pechino del 2008

Che l’Italia fosse una delle squadre più forti fra quelle presenti alla 39^ edizione dei Campionati Europei di Scherma di Plovdiv, in Bulgaria, era chiaro. Che facesse incetta di successi, dominando alla fine il medagliere della competizione, se lo aspettavano in pochi, anche perché agli Europei i nostri atleti dovevano confrontarsi con parecchie formazioni di grande livello internazionale, fra le quali Russia, Francia, Germania e Ungheria.

Alla fine il bottino conta 9 medaglie, 5 d’oro e 4 di bronzo, e cioè molto più di quanto gli azzurri e le azzurre riuscirono a portare a casa nella scorsa edizione, quella di Kiev dello scorso anno. In quell’occasione le medaglie d’oro furono soltanto due, e una di esse fu successivamente revocata a causa della questione legata al fiorettista Baldini e alla sua sospensione per doping.

Questa volta proprio il fioretto, non nuovo a questi exploit, ha dato all’Italia ben quattro medaglie d’oro, praticamente tutte quelle disponibili. Sugli scudi ancora una volta Valentina Vezzali, capace a 35 anni di vincere prima da sola e poi con le compagne di nazionale, in una squadra orfana per infortunio di Margherita Granbassi, campionessa mondiale nel 2006. Per la Vezzali di tratta del dodicesimo oro individuale fra Olimpiadi, Campionati Mondiali e Europei. Alle spalle della veterana fuoriclasse, però, premono anche forze fresche, visto che ad aggiudicarsi il bronzo della gara individuale è stata la 21enne Arianna Errigo.

Nel maschile, invece, ritorno al successo europeo (aveva già vinto nel 2007) per Andrea Baldini, da pochi mesi tornato alle gare, anche lui in grado di bissare il titolo individuale con quello a squadre.

Oltre al fioretto, medaglia d’oro per la squadra maschile della sciabola con Montano, Occhiuzzi, Pastore e Tarantino. E proprio Giampiero Pastore si è tolto la soddisfazione, a 33 anni e dopo aver accumulato numerosi trofei a squadre, di aggiudicarsi la medaglia di bronzo nella gara individuale, la prima della sua carriera.

Infine bronzo anche per le squadre della sciabola femminile e della spada maschile, con questi ultimi che sono così riusciti a riscattare una non brillante prova individuale.

Insomma un momento d’oro per l’Italia, che si spera continui almeno fino al prossimo ottobre, quando si disputeranno ad Antalya (Turchia) i Campionati Mondiali.

 

Foto: marcopako 2008 – Flickr.com – Creative Commons License

Lascia un commento