Valentino in cerca del nono titolo mondiale

valentino_RossiAncora tre gare concentrate in un mese, quello decisivo: il 18 ottobre a Philip Island (USA), il 25 ottobre in Malesia e l’8 novembre a Valencia. Ancora tre gare per sapere se Valentino Rossi riuscirà a mantenere la testa delle classifica e portarsi a casa il titolo mondiale della Moto GP, la classe “regina” delle moto. Sarebbe il nono da quando Rossi nel 1996, appena diciassettenne, atterrò sul Motomondiale. Nove titoli da suddividersi nelle 4 classi in cui Valentino ha gareggiato: 125cc, 250cc, 500cc e Moto GP.
Un fenomeno, questo Valentino Rossi. Talmente fenomeno che gli italiani a tratti sembrano non rendersi appieno di ciò che significhi per lo sport azzurro. Forse perché si sono abituati ai suoi successi, al punto che rischia di far notizia di più quando non vince. Ma i numeri (e i record) della sua carriera parlano chiaro: 103 vittorie in 224 gare, 161 podi, 57 pole position e 81 giri più veloci. È il pilota col maggior numero di vittorie e di podi nella classe più importante del Motomondiale, ed è riuscito a vincere in tutte le piste sulle quali ha gareggiato (ad eccezione di quella di Istanbul, sulla quale ha però corso solo tre volte).
L’unico in grado di reggere il passo con la sua figura è ormai solo il mitico Giacomo Agostini, campione degli anni ’60-’70 in grado di vincere complessivamente 15 titoli iridati.
Tanti campioni si sono succeduti nel corso degli anni nel complicato ruolo di avversario di Valentino Rossi, e quasi sempre non ce l’hanno fatta. Lui invece è sempre stato lì, a lottare per il primo posto.
L’avversario di quest’anno per Rossi è lo spagnolo Jorge Lorenzo, con l’italiano che a tre gran premi dalla fine può gestire 18 punti di vantaggio. Non sappiamo se anche quest’anno la spunterà. Ciò che sappiamo è che, a prescindere da come andrà a finire, l’italiano Valentino Rossi rimarrà il più grande pilota di moto in circolazione.  E forse il migliore di sempre.

(foto: Valentino Rossi – Travellingtamas 2007 – Flickr.com – Creative Commons License)

Lascia un commento