Tre trentenni scommettono su caffè e cultura. E creano posti di lavoro