Una guida al turismo accessibile nelle aree protette.

Il Centro Turistico Studentesco (CTS) ha realizzato una guida sulla fruibilità dei parchi regionali italiani da parte di persone diversamente abili e con esigenze specifiche. La suddetta guida è reperibile gratuitamente tramite CTS Ambiente. Il volume, denominato Parchi senza barriere, si divide in due aree tematiche: la prima si occupa delle caratteristiche naturalistiche della zona, delle manifestazioni che vi si svolgono e dei servizi in essa presenti. La seconda, a cura di architetti esperti in materia, fornisce informazioni sulla possibilità di allestire visite ed escursioni.
“Parchi senza Barriere” è il frutto di un progetto più ampio con il quale il CTS, in collaborazione con Legambiente e Ministero dell’Ambiente, vuole migliorare l’accessibilità delle aree protette e sensibilizzare sul tema, tutto ciò attraverso due tipi di azioni: la prima punta a raccogliere informazioni attraverso interviste telefoniche e sopralluoghi effettuati da personale appositamente preparato, la seconda invece si propone di sfruttare internet, carta stampata e nuove tecnologie per ampliare la conoscenza del problema. A questo proposito è stato costituito un apposito portale internet (www.parchiaccessibili.it), oltre alla pubblicazione di libri e la messa in commercio di cd-rom. Fino ad ora sono quattro le aree pilota di questo esperimento, ovvero Parco del Mincio, Mantova – Parco di Monte Mario, Roma – Oasi Dunale Torre di Mare, Salerno – Orto Botanico di Frignoli, Massa.
Un’iniziativa quanto mai opportuna, considerando l’estensione delle aree protette (circa il 10% del territorio nazionale) che permette di allargare il bacino di utenza turistico permettendo a soggetti svantaggiati di usufruire della straordinaria varietà di flora e fauna presente nei parchi. Un punto di partenza dunque, per un turismo sostenibile e alla portata di tutti.

Lascia un commento