Bike sharing d'inverno: la mobilità sostenibile sfida i climi più rigidi

Il modo migliore per muoversi alla scoperta dei tesori delle città europee è senz’altro quello su due ruote. Un mezzo di trasporto consolidato dal tempo che oggi vive una seconda e prospera giovinezza. Da alcuni anni infatti, la bicicletta ha conquistato il favore di un numero sempre crescente di amministrazioni locali ma anche di cittadini e turisti delle grandi città del mondo. Sono ormai numerosissime le metropoli che stanno abbracciando la filosofia del bike sharing il servizio urbano di biciclette pubbliche, scelto non solo per ragioni prettamente ambientali, ma anche perchè (ormai è scientificamente provato) migliora la salute dei propri cittadini.
Una vera e propria rivoluzione silenziosa alla riconquista degli spazi pubblici, che non conosce ostacoli, nemmeno quando le temperature si fanno rigide.

Sono infatti numerosi i turisti (ma anche gli autoctoni) che, in barba al gelo invernale, non rinunciano al piacere di una pedalata anche in questi giorni di caos pre natalizio. Ci piace constatare un approccio nuvo alla mobilità urbana che pare muovere (è il caso di dire) nella direzione della condivisa volontà di umanizzare le città e i propri spazi, rendendo cittadini ma anche turisti più felici, sani, ricci (di cultura) e decisamente meno stressati.
Un’interessante idea la prendiamo in prestito da momondo – il motore di ricerca per voli low cost, raccomandato dalla CNN, New York Times, CBS e Time Magazine, che propone una simpatica infografica su numerosi bike sharing di diverse città europee.
Tra percorsi consigliati, pratici e utili informazioni per accedere al servizio e suggerimenti per cicloturisti curiosi, non sarà difficile trovare anche il tempo per dedicarsi allo shopping natalizio. Alla scoperta delle strade e dei negozi di città come Londra, Barcellona, Parigi, Dublino, Bruxelles. Sulla meta c’è solo l’imbarazzo della scelta. Superlativo sarà perdersi per le bancarelle di Dublino, pedalare felici afferrando i mille odori di Londra, riscaldarsi con del buon vin chaud a Parigi, e gustare ostriche e vino on the road a Bruxelles. Tutto ovviamente all’insegna della mobilità sostenibile, evitando il traffico delle strade -sempre più caotico nel periodo natalizio- e l’affollamento dei mezzi pubblici. Qualunque sia la vostra cornice preferita per intraprendere l’entusiasmante viaggio alla ricerca dello spirito di Natale e delle chicche di stagione, scadate i muscoli. Una bicicletta vi accompagnerà alla conquista delle città d’Europa e alla scoperta dei loro splendidi spazi.

momondo-biciclette-pubbliche-turismo-sostenibilita

Lascia un commento