Find your Italy, la start up che mostra un'Italia fuori dai luoghi comuni

1920x1080

Il nome è in inglese e in inglese sono anche buona parte del sito e della pagina facebook,  ma per una volta la scelta non è casuale, né dettata dalla moda. “Find your Italy”, si affaccia infatti sul panorama delle startup attive nel settore turistico con una mission ben precisa: offrire ai turisti stranieri un’immagine del Bel Paese che prescinda da scontati scenari da cartolina. E nel contempo, incrementare e diversificare l’offerta di mete in modo tale da contribuire alla destagionalizzazione dei flussi turistici.

Pasta, pizza e mandolino: che si voglia o no, è questo il ritornello preferito del turista “mordi e fuggi”, che dell’Italia finisce per conoscere solo Venezia, Firenze, Roma e – forse – Napoli e Capri. Le cose non erano molto diverse tre secoli fa, quando il giovin signore dei paesi d’oltralpe affrontava il “viaggio in Italia” come uno spartiacque obbligato tra la giovinezza e l’età adulta.

Oggi, come ieri, il turismo – in gran parte straniero – rappresenta per l’economia italiana una risorsa fondamentale, ma soprattutto migliorabile e ancora da sviluppare. Come? Mettendo in luce scenari meno conosciuti, fiere, sagre e musei fuori portata rispetto ai soliti, triti e ritriti circuiti turistici: un espediente che può, d’altro canto, contribuire a “spalmare” i flussi turistici provenienti dall’estero anche su stagioni diverse rispetto al tradizionale binomio estate-inverno. Sia che si parli di turismo sostenibile in Maremma o di inediti scorci veneziani colti by bike, sembra comunque che “Find your Italy” miri soprattutto a offrire al turista straniero un contatto con il territorio non mediato e fondato sul rapporto diretto, sull’eliminazione del tradizionale steccato con cui gli operatori di viaggio tradizionali delimitano i confini tra il turista e i locali.

Intanto iniziano ad arrivare i primi riconoscimenti e la startup, che a maggio ha vinto il premio come “miglior progetto imprenditoriale” nell’ambito di “Innovits”, a ottobre è stata ufficialmente riconosciuta dalla Camera di Commercio come tour operator e agenzia viaggi e ha partecipato a “TTG Italia”, la principale fiera trade della Penisola.

Nessun Commento

Lascia un commento