Vacanze e turismo sostenibile? Sì, con queste app

La tecnologia applicata ai viaggi è ormai un must. Dopo avervi raccontato di Find your Italy, la start-up che mostra un’Italia fuori dai luoghi comuni, oggi vi raccontiamo di Tripzoom, una app ottimizzata per telefoni cellulari Android e iOS in grado di guidare gli utenti nell’organizzazione di viaggi in modo intelligente ed eco-sostenibile, in quanto suggerisce, ad esempio, rotte e mezzi di locomozione efficienti e rispettosi dell’ambiente.

La app nasce con l’intento di “ridurre il traffico, aumentare la sicurezza, proteggere l’ambiente e aumentare il benessere individuale nelle città europee”, come riporta la nota del consorzio Sunset (Sustainable social network services for transport, ndr) che l’ha sviluppata.

Leggi anche: Il patrimonio artistico di Venezia a portata di click 

“Tripzoom” funziona in modo simile alla app FixMyStreet, pensata per segnalare ai cittadini buche, guasti all’illuminazione pubblica e problemi simili nelle strade alle amministrazioni locali o all’ente responsabile; ma differentemente da quest’ultima è in grado di fornire tutta una serie di informazioni su come programmare in modi alternativi i propri itinerari (sempre rigorosamente nel rispetto dell’ambiente).

Il progetto Sunset è stato sviluppato a partire dal 2011 da 9 partner di 4 Paesi Ue (Olanda, Germania, Gran Bretagna e Svezia), e ha spiegato di recente il suo punto di vista in una nota ufficiale: “Una sempre maggiore penetrazione del mercato da parte di tablet e smartphone, insieme al successo dei social media, comporta che i cittadini adesso possono accedere a una grande quantità di informazioni in tempo reale”.

Leggi anche: Viaggi Verdi: la tecnologia al servizio del turismo sostenibile

Il comunicato conclude così: “Volete sapere se ci sono ingorghi, ritardi nelle partenze dei trasporti pubblici o semplicemente trovare il modo o mezzo di trasporto più veloce per arrivare al lavoro? Un’applicazione progettata per i nostri dispositivi mobili, potrebbe permetterci di accedere e condividere informazioni ed esperienze legate ai trasporti, aiutandoci a organizzare meglio la nostra vita quotidiana nell’ambiente urbano”.

2 Commenti

Lascia un commento