In Italia, primo parco fotovoltaico multi-tecnologico installato da ente pubblico

By 21 Novembre 2011 Ambiente

Un grande parco fotovoltaico di quasi 1.000 kw risponderà al fabbisogno energetico di 300 abitazioni. E’ la storia di uno dei primi progetti voluto da un ente pubblico, avviato in un piccolo comune della provincia di Vicenza e che verrà ufficialmente attivato nel febbraio 2012.

Tutto comincia nel 2009, quando la società Elpo di Brunico (specializzata nella produzione di impianti fotovoltaici) vince la gara d’appalto indetta dal comune di Rossano Veneto. L’obiettivo, è quasi avveniristico, per almeno due motivi: in primo luogo per l’entità del progetto – l’installazione non di un impianto isolato, ma di un vero e proprio “Parco Fotovoltaico Sperimentale Multi-tecnologico” – e in secondo luogo per la natura del mandante; se infatti, in Italia, i privati che hanno scelto l’energia pulita sono molti, il caso di un Ente Pubblico rappresenta ancora un fenomeno pionieristico. A distanza di due anni, il progetto iniziale si è trasformato in una realtà tangibile e redditizia: si calcola infatti che le entrate relative solo all’impianto, fra incentivi statali ed energia venduta all’Enel, si aggirino intorno alle 100.000 euro all’anno.

Su una superficie pubblica di circa tre ettari, Elpo, fiancheggiata da EURAC (Istituto per le Energie Rinnovabili) ha portato a termine la costruzione di pannelli a film sottile ubicati sul suolo: un potenziale energetico enorme, che verrà trasmesso direttamente in rete fornendo energia a trecento abitazioni di Rossano Veneto. In pratica, la società di Brunico si occuperà della gestione tecnica del parco, supervisionando 25 moduli di diverso tipo; EURAC, contemporaneamente, sottoporrà a un’analisi puntuale i risultati ottenuti e la resa dei diversi impianti (acquistati liberamente da Elpo e non offerti gratuitamente dalle aziende produttrici, per garantire la qualità e l’imparzialità della scelta).

“La realizzazione dell’impianto fotovoltaico del Comune di Rossano Veneto – ha afferma Robert Pohlin, Presidente di Elpo – ci rende particolarmente orgogliosi. Si tratta di uno dei primissimi sistemi per la produzione di energia pulita che in Italia viene commissionato da un Ente Pubblico. Un segnale forte che dà dimostrazione concreta della validità delle moderne tecnologie fotovoltaiche attualmente disponibili sul mercato, oltre a riconoscere l’importanza dell’iniziativa pubblica nella realizzazione di opere moderne utili alla comunità. Un progetto tutto italiano che evita la sempre più frequente dispersione di importanti risorse pubbliche dovuta all’iniziativa imprenditoriale di investitori stranieri”.

No Comments

  • Marco ha detto:

    Lo stesso andrebbe fatto con le aree dove sono presenti case abbandonate e strutture industriali da dismettere se non usarle come luogo dove costruire al posto di consumare suolo sarebbe un’ottima idea farvi i complessi nuovi senza continuare la speculazione che gli edili fanno assieme alle banche con il solito stile corrotto e mafioso, oppure installare parchi per generare energia!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.