Roma: 12 bici elettriche per gli agenti-ciclisti della Polizia locale

By 16 Giugno 2012 Ambiente

Li vedremo nei principali parchi romani, sulle piste ciclabili e nel centro storico di Roma: sono i “vigili-ciclisti”, il nuovo servizio sperimentale della Polizia Locale di Roma. Dotati di 12 nuove biciclette elettriche, messe a disposizione dall’Assessorato capitolino all’Ambiente, gli agenti sorveglieranno parchi e piste ciclabili e pattuglieranno le strade del Centro storico.

Nel mirino degli “agenti-ciclisti” ci saranno gli automobilisti che parcheggiano sulle piste riservate alle due ruote, i padroni che non raccolgono le deiezioni dei propri cani e il fenomeno del commercio abusivo, soprattutto nei pressi dei principali siti archeologici. Nonché i reati contro il decoro, in materia di rifiuti, ambiente, affissioni e graffiti.

La flotta di 12 biciclette elettriche dei Vigili romani è la più grande in Italia e si aggiunge alle 14 autovetture elettriche già consegnate nei mesi scorsi. La flotta delle 12 biciclette elettriche acquistate dal dipartimento capitolino si aggiunge alle 14 autovetture 100% elettriche che nei mesi scorsi l’Assessorato all’ambiente ha consegnato ai gruppi di Polizia locale del centro storico”, ha dichiarato l’Assessore all’ambiente del Comune di Roma, Marco Visconti.

Su richiesta di Visconti, il comandante del Corpo di Polizia locale, Angelo Giuliani, ha stabilito un calendario di interventi che mirano, in particolare, al monitoraggio di parchi e ville e alla sorveglianza delle piste ciclabili. 

L’idea di impiegare gli agenti ciclisti in campagne mirate al contrasto dell’abbandono delle deiezioni canine e del parcheggio selvaggio sulle piste ciclabili, nasce da uno studio del nucleo “Pics decoro urbano” su mille richieste e segnalazioni arrivate. Nei mesi caldi, il 42% delle segnalazioni in materia di decoro urbano riguardano, per il 19%, i mezzi parcheggiati sulle ciclabili e, per il restante 23%, la mancata raccolta delle deiezioni canine.

“Una prima prova è stata effettuata la settimana scorsa al parco degli Acquedotti – ha detto l’assessore capitolino all’Ambiente, Marco Visconti – e la Polizia di Roma Capitale che gira in questi luoghi dà sollievo alle famiglie. È un progetto sperimentale che ci auguriamo continui perché sta dando ottimi risultati”.

Gli interventi, dunque, si concentreranno, in particolare sulle seguenti piste ciclabili della capitale: Dorsale Colombo da Ponte Sublicio a via Guglielmo Marconi e da via Laurentina (piazza del Lavoro) a Via delle tre Fontane, in particolare nell’area in prossimita’ della FAO e dell’edificio Habitat; Pista di collegamento Nocera Umbra – Furio Camillo fino a via Appia Nuova; Pista di via Zabaglia da Via Rubattino e Lungotevere Testaccio.

Tra i parchi sotto sorveglianza speciale, invece, i più battuti saranno: Villa Borghese, Villa Pamphilj, Villa Glori, Villa Ada, Villa Gordiani, Parco della Caffarella, Parco del Celio.

 

Le sanzioni per i trasgressori, infine, ammontano a:

– 250 euro per la mancata raccolta delle deiezioni canine;

– da 38 euro a 155 euro per i ciclomotori e i motoveicoli a due ruote in sosta sui passaggi per ciclisti;

– da 80 euro a 318 euro per i restanti veicoli.

 

2 Comments

  • BikeCafe ha detto:

    mai visto bici elettriche più scadenti, dimostrazione evidente che l’acquisto è stato effettuato da una persona poco informata sui prodotti in commercio.
    Per sapere quali sono le bici elettriche attuali esiste il sito: http://www.ibici.it oppure http://www.bikecafe.it

  • Tranchillo TheSupp ha detto:

    io invece consiglierei le biciclette classiche perchè non inquinano, mentre la corrente che serve a ricaricare quelle elettriche proviene certamente da fonte inquinante.. e un po di esercizio fisico non guasta mai

Leave a Reply