Stop al cemento grazie al Ddl salva agricoltura

By 17 Settembre 2012 Ambiente

Il premier Monti e il Ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, hanno presentato un Disegno di legge per mettere un freno alla cementificazione nel nostro paese. Secondo i dati del Ministero delle Politiche agricole, infatti, ogni giorno vengono ricoperti dal cemento 100 ettari di terreni agricoli. Fermare la cementificazione dell’Italia: è questo l’obiettivo del nuovo Disegno di legge.

Secondo i dati forniti dal Ministero, ogni giorno in Italia vengono ricoperti da una coltre di cemento ben 100 ettari di terreni agricoli. Dagli anni ’70, la SAU (Superficie Agricola Utilizzata) è diminuita del 28%. Si sono persi, cioè, 5 milioni di ettari di terreni agricoli utilizzabili: una superficie equivalente a Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna messe insieme.

Secondo i dati Istat, ad esempio, la Pianura padana, l’area agricola più vasta e produttiva della penisola italiana, ha una percentuale media di superfici edificate pari al 16,4% del territorio.  Il Ministro Catania, inoltre, ha riferito che chiederà alle Camere di calendarizzare  al più presto il voto sul provvedimento – anche se un’approvazione immediata sembra difficile prima della fine della legislatura.

Si calcola che, a livello nazionale, il 6,7% dell’Italia sia costituito da superfici edificate. Ai primi posti, nelle 10 province più cementificate d’Italia nel 2011, ci sono le province di Monza e della Brianza, Napoli e Milano. Seguono Varese, Trieste, Padova, Roma, Como, Treviso e Prato.

Soddisfatte per il nuovo Ddl le associazioni di categoria e quelle ambientaliste. Per la CIA, Confederazione Italiana Agricoltori, il ”ddl va nella giusta direzione e siamo pronti a sostenerlo con una serie di iniziative di sensibilizzazione lungo la Penisola”.

Anche Confagricoltura manifesta apprezzamento per il provvedimento, ma non condivide ”la logica vincolistica e discriminatoria che ha ispirato il limite sulla destinazione nel tempo dei terreni agricoli che hanno beneficiato di aiuti di Stato e comunitario”. Coldiretti sostiene che bisogna fermare l’erosione di terra fertile con buone norme, perché l’Italia e l’Europa non possono permettersi di rimanere senza cibo.

Copagri, infine, sottolinea come, con questa importante base legislativa, si possa puntare ad un effettivo cambio di rotta a tutela del settore e della sua produttività.

Fonte:  www.tg1.rai.it

Per approfondire:

Boom di assunzioni in agricoltura: +10%
Decreto Sviluppo: novità positive per l’agricoltura
Agrovoltaico: più lavoro, più energia pulita

No Comments

Leave a Reply