Edilizia: progetto-pilota per recuperare l'esistente e fermare il consumo di suolo

By 14 Novembre 2012 Ambiente

E’ partito, in provincia di Parma, un interessante progetto-pilota che, in alternativa alla costruzione di nuovi edifici, si focalizza sul recupero di quelli esistenti sul territorio (e molto spesso abbandonati a se stessi). Il progetto ha come obiettivo quello di individuare possibilità, metodi, tecniche e normative comunali di recupero degli edifici già esistenti, compresi i casolari abbandonati, una tipologia di edifici molto numerosa.

Il nuovo progetto è condotto dal Comune di Colorno insieme all’Unione Costruzioni CNA di Parma (che riunisce le imprese che operano nella filiera delle costruzioni edili) e prende l’avvio dalla sottoscrizione di una Convenzione firmata la scorsa settimana dal Sindaco di Colorno, Michela Canova, e dalla Presidente di CNA, Franca Ormindelli.

La prima fase del progetto prevede un censimento dei fabbricati esistenti ed inutilizzati, spesso pregevoli esempi di architetture rurali. A questa prima fase, e in base anche ai risultati ottenuti, ne seguirà una seconda tesa ad individuare previsioni urbanistiche che possano facilitare e rendere concretamente attuabili le operazioni di recupero. Contestualmente, CNA Costruzioni già dispone delle metodologie e dei criteri progettuali e realizzativi per il riuso di edifici coerenti con il rispetto ambientale ed il risparmio energetico.

“E’ un progetto del tutto in linea con gli orientamenti della nostra amministrazione” –  afferma in un comunicato stampa Marco Boschini, Assessore alla Programmazione del territorio, urbanistica e ambiente di Colorno – “che da tempo ha deciso di dire stop al consumo di suolo”.

“Il recupero dei

Pagine: 1 2

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.