Vacanze di Natale: mania dell'auto condivisa

E’ quadruplicato rispetto all’anno scorso il numero dei passaggi offerti per le Feste: lo dimostrano i dati raccolti da BlaBlaCar.it, community leader in Italia e in Europa per il  ride sharing. Nella Penisola verranno offerti fino all’Epifania 250.000 passaggi per 20 milioni di km (+300% rispetto ai 60mila del 2012).

Un modo semplice per evitare le tariffe stellari e l’affollamento dei mezzi di trasporto tradizionali, preferendo viaggiare in auto in compagnia. Il risparmio consentito dal ride sharing rispetto al costo di aerei e treni raggiunge infatti circa il 75%, specialmente per gli spostamenti last minute. Condividere i posti liberi nella propria auto rappresenta un notevole vantaggio anche per i conducenti: secondo la stima di BlaBlaCar.it infatti, a Natale potranno risparmiare circa 3 milioni di euro su carburante e pedaggi autostradali.

Venerdì 20 e lunedì 23 dicembre sono state le giornate più calde, in cui si sono concentrate le partenze della maggioranza dei vacanzieri. Tra le tratte più gettonate dagli italiani la Milano-Roma, la Roma-Bari e la Milano-Venezia.

C’è crisi? Gli italiani si adattano. Invece di rinunciare alle vacanze per mancanza di disponibilità economica e invece di lamentarsi dei costi proibitivi di treni e aerei, provano un nuovo modo di viaggiare condividendo le spese -ha dichiarato Olivier Bremer, country manager BlaBlaCar Italia -. Riscoprono così la socialità, un valore tradizionalmente molto radicato nella cultura italiana. Non a caso il nostro nome ‘BlaBlaCar’ riflette proprio l’aspetto sociale del viaggiare insieme: ci si conosce, si parla del più e del meno, il viaggio passa molto più in fretta e magari nasce anche qualche amicizia.”

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.