Gli alberi ora si piantano coi droni

By 5 Luglio 2019 Luglio 12th, 2019 Ambiente

Non sono ancora molto alte, ma le piante di mangrovie piantate lo scorso settembre in Myanmar stanno crescendo. E lo fanno proprio grazie alla tecnologia, la stessa ritenuta in parte responsabile del riscaldamento climatico.

Sì perché questi fino ad ora ancora piccoli arbusti sono stati piantati, ma sarebbe meglio dire sparati, con i droni. Meno di un anno fa, infatti, migliaia di semi di mangrovie furono letteralmente sparati dal cielo su alcune remote aree rurali. Merito di una start-up dell’Università di Oxford che si è ripromessa di dar seguito a questo esperimento pilota su una vasta area del paese asiatico pari a 350.000 ettari di terreno. “Con questo esperimento abbiamo avuto la conferma di quali specie possiamo piantare e in quali condizioni. Siamo pronti a continuare il progetto e a replicarlo”, ha dichiarato Irina Fedorenko cofondatrice di Biocarbon Engineering che ha anche aggiunto che una flotta di dieci droni manovrati da due piloti solamente possono piantare 400.000 piante al giorno. Ma come avviene la piantumazione? Dopo una prima mappatura dei droni che raccolgono dati grazie ad un algoritmo per individuare i migliori punti dove sparare, la fase successiva prevede che altri velivoli disperdano i semi sul terreno lanciandoli da una quota più bassa.

Una tecnica quella del lancio di semi dai droni (progettati da ingegneri che hanno lavorato in passato con la Nasa) che riduce notevolmente i tempi e aiuta a rimboscare vastissime aree. Worldview Foundation da anni lavora in Myanmar e in 7 anni è riuscita a piantare con le tradizionali tecniche, 6 milioni di alberi. Grazie all’aiuto dei droni in pochi mesi potranno piantare altri 4 milioni di piante di mangrovia, elementi importanti per l’ecosistema perchè grazie alle radici subacquee, riescono a immagazzinare una quantità di carbonio superiore alle piante che crescono sulla terraferma, aiutano a rendere più solido il suolo e riducono il rischio di erosione.

Fonte: Wise Society

Leave a Reply