Attualità

Livia Turco: "Non può esistere ospedale non pulito"

di 12 Gennaio 2007Marzo 5th, 2017No Comments

”Non può esistere un ospedale italiano che non sia pulito e non rispetti le norme di igiene e sicurezza a tutela dei malati”. E’ lapidario il ministro della Salute Livia Turco nel commentare i dati delle ispezioni dei Nas in 321 ospedali della Penisola (scelti a campione), presentati oggi a Roma in una conferenza al ministero. ”Dobbiamo poter individuare una precisa catena di responsabilità che coinvolga tutto il personale che si occupa della sanità italiana, a partire dai direttori delle aziende e dai direttori sanitari. Dobbiamo capire – precisa Turco – che anche la sanità italiana è tra le priorità di questo Paese e ha bisogno di investimenti. Non solo autostrade e Tav, quindi: è ora di investire anche negli ospedali. Di questo parlerò oggi stesso al vertice di Caserta del centrosinistra”.

Nel 7,5% degli ospedali ispezionati, ha spiegato Saverio Cotticelli, comandante dei Nas, sono state rilevate carenze sul piano dell’igiene, della pulizia e della manutenzione degli ambienti. Non è stata tuttavia predisposta alcuna chiusura di strutture ospedaliere per gravi carenze, fatta eccezione in Sicilia per due locali deposito non aperti al pubblico. Centoundici persone sono state segnalate all’autorità giudiziaria.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Complessivamente, dal rapporto dei Nas, emergono soprattutto irregolarità al Sud. A preoccupare maggiormente è la situazione della Calabria. Ma all’assessore della Sanità calabrese, Doris Lo Moro, va tutto il “sostegno e incoraggiamento” del ministro Turco che ha detto comprendere la difficile situazione della Regione.

Infine, fedina penale e amministrativa immacolata per due Regioni: Liguria e Trentino Alto Adige.

Condividi su:
Avatar photo

Silvio Malvolti

Ho fondato BuoneNotizie.it nel 2001 con il desiderio di ispirare le persone attraverso la visione di un mondo migliore. Nel 2004 ho costituito l'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo, che oggi gestisce questa testata: una sfida vinta e pluripremiata.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici