Stop al lavoro minorile con Telefono azzurro

di 5 Novembre 2009Marzo 5th, 2017Attualità

Firmato un protocollo d’intesa tra Ministero del Welfare e Telefono azzurro Onlus per incentivare il contrasto al lavoro minorile.

 

Il servizio 114 emergenza infanzia, attraverso questa nuova collaborazione con il Ministero del lavoro siglata il 12 ottobre 2009, diventa strumento d’allarme ancora più efficace per la tutela dei minori e l’azione delle direzioni provinciali del lavoro.

Il sevizio 114 è gratuito, attivo 24 ore su 24, operativo su tutto il territorio nazionale, e in base al nuovo protocollo prevede una rete di segnalazioni collegata con servizi di ambito sociale e con gli organi ispettivi del Ministero del lavoro. Viene programmata la creazione di una banca dati per la mappatura delle zone più a rischio, finalizzata a stabilire ordine di priorità sul territorio. In tema di prevenzione sono previsti interventi mirati sul disagio socio famigliare e sulla sensibilizzazione delle problematiche legate al lavoro minorile.

 

Secondo l’Osservatorio sul lavoro minorile, il 36% dei minori italiani è a rischio povertà, circa un milione di giovani abbandona prematuramente gli studi, 240 mila i minori sfruttati. L’Ilo (International labour organization) stima che nel mondo i bambini che lavorano sono 218 milioni.

I dati numerici e la crescente povertà dovuta alla crisi economica globale evidenziano un quadro preoccupante per l’equilibrio sociale, in modo particolare la tutela dei minori.

In Italia, l’ordinamento giuridico oltre al dettato costituzionale dell’art 37 Costit. “la Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme”, dispone per la tutela dei minori del D.lgs 345/99 e della legge di ratifica della Convenzione Ilo 182.

Il nuovo protocollo siglato rappresenta un intervento mirato ad un’applicazione più efficace della normativa.

 

Pasquale la Torre

 

 

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.