Equitalia condannata per comportamento vessatorio

By 4 Maggio 2012 Marzo 5th, 2017 Attualità

Equitalia è stata condannata dal Giudice di pace di Roma per comportamento vessatorio, per aver ipotecato immobili ad un cittadino per un debito di soli 5.000 euro, quando la legge vieta di procedere all’iscrizione ipotecaria se il debito è inferiore agli 8.000 euro.

Non basta la crisi economica che si è abbattuta sull’Italia. A spaventare gli italiani c’è anche Equitalia, la cui attività, in un contesto già molto provato dalla crisi, rischia di diventare impietosa. I casi disperati riportati dalla cronaca sono tanti, da Nord a Sud, ma c’è anche qualche buona notizia: una recente sentenza del Giudice di Pace di Roma ha accolto l’opposizione di un cittadino contro la vessazione subita dal colosso di riscossione dei tributi.

Il caso, seguito dall’Associazione Codici (Centro per i Diritti del Cittadino), ha visto Equitalia ipotecare i beni immobili di un cittadino a garanzia di un pagamento di crediti scaduti. Il debito, però, ammontava a poco più di 5.000 euro. «Un’illegittimità – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Quello che ci ha fatto agire contro Equitalia è che il debito del cittadino era di poco superiore ai 5.000 euro e quindi inferiore agli 8.000 euro previsti come limite per poter procedere con l’iscrizione ipotecaria sugli immobili. Equitalia non può, infatti, iscrivere ipoteca per debiti inferiori ad 8.000,00 euro in forza dell’art. 76 del DPR 602/73».

La sentenza ha dato ragione all’Associazione e al suo assistito e il Giudice di Pace di Roma ha dichiarato l’opposizione fondata e nulla l’ipoteca sugli immobili, ordinando ad Equitalia di procedere alla cancellazione dell’iscrizione ipotecaria e condannando l’Agenzia al pagamento delle spese.

«Quanti errori come questi si verificano? – prosegue Giacomelli – Non sempre i cittadini hanno la possibilità di rivolgersi ad un avvocato ed intentare una causa per opporsi ai comportamenti vessatori di Equitalia. In molti casi preferiscono pagare per evitare dissesti finanziari o vedere i propri immobili ipotecati». Purtroppo, questo tipo di comportamenti vessatori possono anche pregiudicare la vita dei cittadini.

Il Codici invita le vittime delle Agenzie di riscossione crediti a contattare l’Associazione per aiuti legali e consulenze. E’ attiva un’e-mail per segnalare eventuali comportamenti vessatori di Equitalia ( ricorsiequitalia@codici.org ). I cittadini, inoltre, possono fissare un appuntamento chiamando il numero 06-5571996.

Fonte : www.diariodelweb.it 

 

21 Comments

  • Giovanni Russo ha detto:

    Equitalia Polis S.P.A.: capitale 51% Agenzia delle Entrate e 49% INPS.
    Pensate! i capitali sono dello stato, quindi nostri…Siamo proprio dei coglioni creare una Società S.P.A. (privata) che ci usura e crea suicidi…

  • Lazza ha detto:

    Scusate, non mi è chiara una cosa: “In molti casi preferiscono pagare per evitare dissesti finanziari”Cioè, questi “poveri cristi” in molti casi “preferiscono” pagare le tasse o le multe? Da quando questa è una cosa discrezionale? Perché a ‘sto punto se si può anche decidere di non pagarle non le pago più nemmeno io… Ma fatemi il piacere!

    • VULKAN ha detto:

      Forse l’avvocato intendeva di quando tu devi dare esempio 1’000€ e questi di equitalia ti mandano una cartella da 7’000€…. Succede fidati.

    • Lazza ha detto:

      Da quello che ho capito (ma potrei sbagliarmi, correggetemi) Equitalia arriva a riscuotere se chi doveva pagare una multa o una tassa non l’ha fatto in prima battuta (intendo dire salvo errori ovviamente). Possiamo quindi discutere sulla serietà o meno di penali notevolmente alte, ma resta il fatto che se chi dovesse pagare le tasse o le multe lo facesse subito le cose sarebbero più semplici. Magari gli errori idioti capiterebbero ancora ma sicuramente il fenomeno si ridurrebbe drasticamente. Invece abbiamo gente che fa ricorso per multe strameritate, poi porta i capitali in Svizzera e si lamenta quando viene “beccata”.
      Anch’io ho preso una multa, una sera (data la poca luce) avevo scambiato un parcheggio per residenti (linea gialla) per uno normale (linea bianca) e puntualmente è arrivata la stangata di 39 euro. Ora, potevo fare il solito “ricorso all’italiana” e tentare di farla franca allungando all’inverosimile la pratica, o riconoscere semplicemente che ero stato poco attento e avevo commesso un torto… Infatti il giorno dopo ho pagato la multa regolarmente e non ho avuto nessuna ripercussione.
      Questo per dire che NON sto giustificando le penali astronomiche, sto dicendo che in vari casi si potrebbero evitare problemi spropositati comportandosi correttamente dall’inizio.

    • Matteo ha detto:

      Per inciso equitalia il più delle volte invia cartelle di pagamenti di cui non si conosce neanche l’origine. queste partono già gravate di assurdi interessi, mora ecc, ecc.
      Equitalia d’altronde non fornisce alcun dato nè alcuna delucidazione, al massimo una serie di sigle che puntano poi a eventuali capitolati interni di cui non si può neanche richiedere l’estratto stampato (non lo consegnano).

      Spessissimo andando in fondo si scopre che si tratta di “errori” ma la gente colpita da questi “errori” (virgolettato d’obbligo) spesso è anziana o incapace di indagare presso agenzia delle entrate, sportelli istituzionali ecc, ecc, ecc.
      Io stesso ho avversato e trovato errori ben due volte.
      Solo che per approfondire la questione ho perso giorni di lavoro, chiesto e pagato un avvocato per un parere, fatto lunghe file in uffici istituzionali e altro.
      A equitalia sparare una cartella chiedendo cinquemila euro costa nulla, a un poveraccio andare a scoprire che non deve pagarla può costare centinaia di euro e un esaurimento nervoso.

      Spesso la gente più anziana arrivata al termine di una vita di lavoro lascia correre, non approfondisce nemmeno e si toglie anche quei pochi soldi che le rimane.

      Fino a qualche anno fa si chiamavano “cartelle pazze”, oggi si definiscono “errori”, inoltre mora, compenso della S.p.A.  e interessi applicati sono SEMPRE incostituzionali e assolutamente allineati con gli interessi applicati dai peggiori strozzini di strada.

      Vorrei solo sapere quando la finiremo di sparare cazzate e inizieremo definitivamente a chiamarle con il loro vero nome: “volgari e infami tentativi di estorsione”.

  • Marcymarcy70 ha detto:

    il problema oltre a quello è la non responsabilità oggettiva penalmente. voglio dire, l’impiegato che ha iscritto tale ipoteca, è consapevole di fare un abuso, ma non c’è nessuna normativa che gli faccia pagare di tasca propria i danni che commette.

  • AZ ha detto:

    non si tratta di una buona notizia. Il malcapitato si sarà rovinato del tutto per avversare il pignoramento mentre equitalia avrà da pagare le spese legali, “un paio di cene” che ovviamente farà pagare al malcapitato successivo. Se ne commetteranno 100.000 di abusi come questo, ognuno avrà da patire un vero e proprio calvario per uscirne, ma ad equitalia costerà sempre una sciocchezza.

  • Antonio Castracano ha detto:

    questa aggenzia deve sparire sono ladri dello stato sono furbi una multa di 50 euro diventano triple qudruplicate ma come puo unente rubare cosi  e lo stato lo permette si deve vergognare facciamo un referendum x abolire questo ente che fa danni e morti  poi si lamentano che subiscono attentati  grazie

  • Gianluca John Romeo ha detto:

    Ho rifiutato un posto fisso di lavoro in Equitalia chiamatemi idiota ,ma mi sentirei un verme a lavorare per loro 

  • Genesio Nardoni ha detto:

    Finalmente un po’ di giustizia .Ipotecare una casa per 5.000 euro ed altre bastardate del genere .Sono degli avvoltoi .

  • G Consalez ha detto:

    Equitalia o equitaglieggia?

  • Marilisa ha detto:

    io ho ricevuto 43mila euro di cartelle sbagliate dall’ufficio delle entrate per colpa di una funzionaria poco zelante…..equitalia mi ha ipotecato casa e, dopo che (con un lavoro di controllo durato 2mesi e supportato da commercialista e consulente del lavoro) ho dimostrato che si trattava di cartelle non dovute, sono riuscita dopo diversi mesi a farle annullare e la trascrizione non è immediata e finalmente il 7 marzo equitalia mi ha tolto l’ipoteca giudiziale
    nel frattempo in banca sono stata classificata come “attenzione 1” quindi fidi ridotti e altre umiliazioni che nn elenco…..
    chi mi ripaga di tanta rabbia (e del fatto che ho rischiato l’infarto ricevendo il cumulo di cartelle esattoriali con ipoteca giudiziale???)

    • Fiammetta Bonanno Di Linguaglo ha detto:

       direi che sarebbe il caso di rivolgersi al Cedu Strasburgo come avrei intenzione di fare io per richiesta danni oltrechè per metterli al corrente di diritti violati

  • Ciro Nola ha detto:

    vorrei sapere come mai non si parla di strozzinaggio tipico dei usurai trozzini ecc. visto che un debito iniziale di 36,00euro arriva olte il 500% e stato coperto dalle diciture ,sanzioni,more ,spese di ricosione ecc…ma la lecce e uguale per tutti?, mi sembra proprio di no stiamo subendo usura dallo stato  spero che  i nostri politici si ravvedano  prima che la gente diventi esasperata

  • renegade33 ha detto:

    Cari ragazzi, credo che sia arrivato il momento di farci sentire con arroganza e senza guardare in faccia nessuno come fanno i nostri politici e governatori improvvisati. Prima di tutto,  gia’ il nome Equitalia è una presa in giro perchè questa società di riscossione non la trovo poi cosi’ tanto equa.Nel nostro bellissimo paese ci sarebbe bisogno piu’ che altro di società che controllino politici e tutti i loro intrighi e ruberie.Invece riscontriamo che questa Equitalia se la prende sopratutto con gente onesta o per lo piu’ con persone che fanno fatica a pagare le tasse o altro perchè non ha i soldini per farlo. Purtroppo queste persone  non hanno lo stipendio o le pensioni e i benefici di cui si sono appropriati i nostri politici.Credo  che l’Italia sia come un’azienda quindi di conseguenza chi non sa produrre risultati positivi per il paese deve andarsene a casa ,e fare un lavoro che piu’ gli si addice, di conseguenza  visto che i politici li eleggiamo o votiamo noi sarebbe giusto che il loro stipendio lo decidessimo noi in base al loro lavoro e ai loro risultati  come i nostri datori di lavoro fanno con noi .

  • ospite ha detto:

    Equitalia è il braccio “armato” di tutti gli enti di riscossione tributi o tasse, giuste o ingiuste che siano, quindi finchè si protesta contro equitalia si otterrà ben poco, se una cartella è errata o aumentata esageratamente chi ci guadagna è l’ente, ovviamente in percentuale pure equitalia, e di conseguenza essendo equitalia una società mista agenzia delle entrare-inps, gira e rigira i soldi finiscono sempre lì, nelle casse dello stato.
     C’è da dire ancora una cosa, mentre con gli evasori veri l’agenzia delle entrate patteggia la somma abbassandosi le braghe( e chissà per quale motivo, meglio non puntualizzare, perchè l’italia è un paese di corrotti ed è l’univa vera realtà italiana) con i piccoli ed onesti contribuenti impossibilitati economicamente a pagare applica interessi di mora assurdi. Le associazioni consumatori, sindacati e varie organizzazioni fanno solo chiacchiere: governo per governo i responsabili di questo sistema vanno denunciati alla corte europea dei diritti dell’uomo visto che in italia fanno orecchie da mercanti.

  • Lars1964 ha detto:

    complimenti  a  CODICI……….. BISOGNA ASSOCIARSI IN MILIONI CONTRO  EQUITALIA.  e  far  partire una causa  generale  per  le  sopratasse

  • mary ha detto:

    io o ricevuto una cartella di 3,332.22 dal equitalia sono senza lavoro e o un bambino piccolo mi aiuta la famiglia con quella poca pensione di mio padre le rate sono di 110 euro e ogni mese per me e togliere il pane dalla bocca di mio figlio come devo fare a pagare le rate senza lavoro ??????

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.