Information Technology: firmato accordo per ridurre impatto su clima e ambiente

By 26 Ottobre 2012 Marzo 5th, 2017 Attualità

Ridurre e neutralizzare l’impatto sul clima provocato dalle aziende del settore dell’Information Technology: questo, in sostanza, l’accordo firmato dal Ministro dell’ambiente, Corrado Clini, e da Luisa Arienti, amministratore delegato di SAP Italia – società di software per il business.

“Questo nuovo accordo”, ha spiegato il Ministro Clini, “è di particolare rilievo perché riguarda un settore strategico. Il software, infatti, è uno degli strumenti chiave per la sostenibilità, perché riduce il fabbisogno di energia e di risorse nelle imprese”.

La collaborazione fra il Ministero dell’Ambiente e SAP è finalizzata, si legge nel comunicato stampa del Ministero, “alla diffusione di modelli sostenibili di produzione, consumo, analisi e riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra su due fronti: da un parte per gli impatti diretti sul clima delle attività proprie di SAP, nelle due sedi di Roma e di Vimercate, dall’altra per i benefici indiretti generati dall’implementazione, presso le imprese clienti, di soluzioni tecnologiche per gestire in modo responsabile il proprio business”.

Il tutto grazie alla definizione e l’utilizzo di una particolare metodologia di calcolo dell’impatto ambientale (ovvero l’imporonta ambientale o “Carbon Footprint”) e all’individuazione di soluzioni economicamente efficienti per ridurre le emissioni dei gas ad effetto serra.

“L’accordo sottoscritto”, ha dichiarato Luisa Arienti, “segna per noi un importante passo, che andrà a rafforzare il cammino già intrapreso per operare al nostro interno in modo sostenibile e per aiutare i nostri clienti a fare business nel rispetto delle problematiche ambientali. Il valore di questo impegno volontario è anche nella preziosa collaborazione tra pubblico e privato. Ci auguriamo che il nostro percorso sia da esempio per tante altre aziende”.

 

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply