Il debito pubblico italiano migliora. E tornano gli investitori stranieri.

di 14 Novembre 2012Marzo 5th, 2017Attualità

Notizie positive per il debito pubblico italiano: “Il 2013 sarà un anno meno pesante e meglio distribuito per quanto riguarda le scadenze dei titoli di Stato”. Ad assicurarlo è il Direttore generale del debito pubblico del Tesoro, Maria Cannata (nella foto), durante un recente convegno sul tema del debito pubblico italiano.

Nel 2013, ha spiegato Maria Cannata, il fabbisogno sarà inferiore di “circa 20 miliardi”, mentre le emissioni lorde totali saranno “più basse di circa 60 miliardi. Anche il 2014 sarà meglio distribuito, mentre il 2015 sarà di nuovo un anno impegnativo”. Il Tesoro, ha proseguito Cannata, sta “definendo la strategia” di finanziamento per il 2013 e “sono abbastanza ottimista”.

La sorpresa del 2012 è stato il Btp Italia, “soprattutto la terza emissione è andata molto bene. La terza emissione ha beneficiato di un clima economico più favorevole e di una campagna di comunicazione migliore” rispetto a quelle fatte in precedenza. “Il totale delle emissioni del Btp Italia ammonta a oltre a 27 miliardi e rappresenta circa il 5,8% delle emissioni del 2012”.

Maria Cannata ha assicurato, inoltre, che gli investitori sono più preoccupati dal quadro di incertezza politica che dalla tenuta dei conti pubblici: Il clima con gli investitori esteri è molto migliorato. Le loro preoccupazioni non sono più sul controllo dei conti pubblici, ma sulla crescita e sull’incertezza politica in Italia e in Europa”.

Il direttore generale ha, infine, evidenziato come la parte del debito pubblico italiano in mano estera si stia riducendo: “A metà giugno 2011 eravamo al 51%, oggi siamo al 35% in mano agli investitori stranieri”.

Fonte:  Italia Oggi

No Comments

  • Giorgio Moneta ha detto:

    questa non è una buona notizia,il debito pubblico è una truffa e gli investitori stranieri portano via i soldi dal paese oppure prendono i soldi e smantellano tutto

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.