Bolzano prima in Italia per qualità della vita

By 26 Novembre 2012 Marzo 5th, 2017 Attualità

E’ Bolzano a conquistare il primo posto nella “Qualità della vita 2012” delle province italiane – la ricerca del Sole 24 Ore giunta quest’anno alla sua 23esima edizione. La città vincitrice dell’edizione 2011, Bologna, arriva stavolta decima, mentre il secondo e terzo posto vanno rispettivamente  a Siena e Trento, anch’esse presenze frequenti nella top ten della ricerca.

Seguono in classifica le città di Rimini, Trieste, Parma, Belluno, Ravenna e Aosta, anch’esse tutte presenze costanti. La pagella peggiore va – invece – a Taranto, quest’anno ultima in classifica.

Bolzano, già prima nel 1995, nel 2001 e nel 2010 conquista la vetta della classifica grazie alle buone performance nei capitoli Affari e lavoro e Tempo libero (terzo posto) e Ordine pubblico (quarto).

Nel dettaglio, a “darle punti” sono la bassa disoccupazione (3,3% nel 2011 contro una media del 9%), le presenze turistiche nonché la scarsa incidenza di reati come furti in casa o furti d’auto.

Fonte:  AGI

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

No Comments

  • Luca Parrino ha detto:

    SOLE 24 ORE “È Bolzano la provincia dove si vive meglio in Italia”

    CENTRO NAZIONALE DI EPIDEMIOLOGIA, SORVEGLIANZA E PROMOZIONE DELLA SALUTE:
    “Con riferimento al biennio 2008-2009, tra le Regioni con i livelli più elevati del tasso standardizzato di suicidio troviamo la Provincia autonoma di Bolzano (20,0).

    C’è qualcosa che non torna.

    Ricordo che Bolzano è la provincia con una delle percentuali più alte di strutture psichiatriche. Forse non ci si suicida perchè mancano le strutture “sanitarie”, forse lo si fa proprio grazie e queste.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.