13mila chilometri di solidarietà

By 8 Luglio 2013 Marzo 5th, 2017 Attualità

Partirà da Roma, destinazione Mongolia per il “famigerato” Mongol Rally, l’equipaggio Rougher Dan Khan, formato da tre trentenni romani: Lorenzo Dutto, pilota di elicotteri su piattaforme petrolifere in Malesia e due ingegneri ambientali, Emanuele Gigli e Giuseppe Orsini.

Da Roma, il 13 luglio, il team si muoverà alla volta del castello di Klenova, in Repubblica Ceca, da dove il 16 luglio si metteranno in marcia, destinazione Ulan Bator, capitale della Mongolia. Nessuna tappa prestabilita – ogni equipaggio sceglie il proprio tragitto – nessuna assistenza lungo il percorso, vietato l’uso di strumenti GPS e di vetture 4×4. La rotta della squadra Rougher Dan Khan prevede l’avvicinamento alla Russia attraverso Slovacchia, Ungheria, Romania, Moldavia e Ucraina. Dalla Russia al Kazakistan, per poi scendere verso sud-est, attraversando il Lago salato di Aral ed entrare in Uzbekistan, transitando in Kyrgystan e rientrando in Kazakistan e quindi in Russia da dove sarà varcato il confine con la Mongolia attraversando il deserto fino a raggiungere la città di Ulan Bator. Lì la vettura e l’equipaggiamento, dal vestiario agli oggetti di vita quotidiana utilizzati durante il viaggio verranno battuti all’asta e il ricavato devoluto in beneficenza a favore del Lotus Children Charitable Centre e dell’organizzazione a difesa dell’ambiente Cool Earth. Il rientro avverrà in aereo.

 

Banner Blog

Si prevedono dai 35 ai 40 giorni per completare i circa 13.000 chilometri del tragitto. “Siamo tre amici, tre ciclisti, tre curiosi – dichiarano Lorenzo, Emanuele e Giuseppe –  con l’ambizione comune di dimostrare che è possibile girare il mondo da viaggiatori e non da semplici turisti, con il valore aggiunto di fare beneficenza per cause in cui crediamo fermamente. Il Mongol Rally rappresenta ai nostri occhi una preziosa opportunità per andare alla scoperta di un angolo di mondo altrimenti tagliato fuori dai più battuti circuiti del turismo di massa, occasione preziosa per confrontarci con popolazioni e luoghi che, a causa dell’esponenziale e spesso poco equilibrato sviluppo di queste aree, stanno rapidamente perdendo identità, valori e ricchezze culturali.”

Sul blog tutte le informazioni sul viaggio e sul gruppo facebook il diario di viaggio.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.