Il valore simbolico di un gesto: quel casco tolto dai poliziotti che ha sciolto le tensioni

By 12 Dicembre 2013 Marzo 5th, 2017 Attualità

Forse i poliziotti che nei giorni scorsi si sono tolti il casco antisommossa, dopo aver impedito l’assalto a diversi uffici dell’Agenzia delle Entrate a Torino e Genova, poi  anche a Milano e Imperia, lo hanno fatto  – come sostenuto in una nota ufficiale dalla Questura di Torino – per il “venir meno dello stato di tensione e delle esigenze di ordine pubblico“. Può essere. Ciò che però rimane è il significato simbolico del gesto, che ha suscitato l’apprezzamento di moltissimi cittadini e diversi rappresentati di categoria.
Per farsi un’idea del clima di questa vertenza basta però buttare un occhio ai social network dove -tutto sommato- è la gente ad esprimere liberamente (a volte  anche troppo) la propria posizione e opinioni. E allora è proprio qui che si trovano video amatoriali come questo:

e tanti commenti, come quello di E.T. un poliziotto che commenta il video di Torino con queste parole
Tranquilli, noi poliziotti, carabinieri, siamo parte del popolo, abbiamo figli senza lavoro, genitori pensionati che a stento arrivano a fine mese, e che spesso aiutano noi ad arrivare a fine mese. siamo figli di operai anche noi siamo parte del popolo, siamo vittime anche noi di furti e di soprusi , poi ovvio che si spaccano vetrine e si incendiano auto di povera gente ci scappano le cariche, ma anche noi che crediamo nello Stato come entità di territorio e persone, siamo stanchi dei politici e dei dirigenti che ci hanno male amministrato… auguri a tutti”
Polizia senza casco

E il suo non è il solo esempio. Ci sono tanti, tantissimi commenti a post e foto che muovono nella stessa direzione.
Certo, permangono anche  voci contrarie.  Manifestare è un diritto sacrosanto e innegabile di ogni cittadino; farlo nei modi pacifici e nei limiti prescritti dalla legge è dovere altrettanto innegabile. Quello su cui vorremmo soffermarci  è  il valore e il simbolo di un’azione. Per una volta- le alte tensioni createsi in sede di manifestazione di piazza siano state stemperate da un gesto di simbolica deposizione delle armi (in questo caso armi di difesa), cosa insolita ed inaspettata da parte di quelle stesse forze dell’ordine, più spesso soggette a critiche che apprezzamenti circa il loro modus operandi.
Certo, sullo sfondo rimane il malcontento generale per una situazione difficile da gestire. Per risolvere questi problemi serviranno altri gesti eclatanti e inaspettati, e certo non da parte dei soli poliziotti e cittadini.  Speriamo però che il valore di un atto che stempera la tensione resti un messaggio recepito da tutti.

 

Leave a Reply