In mostra al Quirinale le opere restituite all'Italia

Da venerdì 21 dicembre, presso il Quirinale, saranno esposti i frutti degli sforzi del nostro Ministero per i Beni e le Attività Culturali sulle restituzioni di reperti archeologici trafugati per decenni dal nostro territorio e finiti in musei o presso collezionisti di tutto il mondo, negli Stati Uniti in particolare, passando attraverso tombaroli, mercanti senza scrupoli e case d’asta. In mostra le opere restituite dal Getty, dal Princeton University Art Museum nonché dal collezionista e mercante d’arte Jerome Eisenberg.

Clamoroso è stato l’accordo con il Getty annunciato lo scorso 1° agosto, poi firmato il 25 settembre, dal ministro Rutelli e dal direttore del museo di Los Angeles Michael Brand. Quaranta opere straordinarie ritornano in Italia dopo un lungo e a tratti duro contenzioso, con il rinvio della decisione sul “Giovane Atleta” attribuito a Lisippo alla conclusione del processo in corso a Pesaro. In mostra ci saranno tutte le opere a eccezione della Venere di Morgantina che rientrerà nel 2010, sia perchè già inserita in mostre programmate, sia per motivi legati alle competenze speciali della Regione Sicilia da cui proviene.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

I pezzi sono notevolissimi. Citiamo solo la lekanìs (vaso con coperchio) con Nereidi e la tavola cerimoniale con grifoni e cerva tutte e due del IV secolo a.C. In marmo policromo provenienti dal sud Italia, il kántharos (tazza a due anse verticali) a figure rosse con maschera attribuito a Eufronio e decorato dal «Pittore della Fonderia» datato 480 a.C., la statua in marmo di Apollo con grifone del I-II secolo d.C., il cratere apulo a figure rosse con scene teatrali attribuito al pittore di Choregos del 380 a.C., frammenti di affreschi di ville vesuviane strappati criminalmente dai loro siti d’origine.

A questo nucleo si aggiungono alcuni dei pezzi appena rientrati da altri due accordi importanti, con il Museo di Princeton con cui era aperta da tempo la discussione e con il gallerista newyorkese Jerome Eisenberg titolare delle Royal-Athena Galleries con sede a New York e Londra.

I visitatori potranno accedere alla mostra, intitolata “Nostoi. Capolavori ritrovati”, allestita nella Sala delle Bandiere e nelle Sale della Galleria di Papa Alessandro VII del Palazzo del Quirinale, con ingresso gratuito e senza bisogno di prenotazione fino al 2 marzo 2008.

Nella foto: uno dei pezzi restituiti da Jerome Eisenberg (a sinistra) e dal Princeton Art Museum (a destra).

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!