Arte: la sicurezza a costo zero

di 23 Maggio 2009Cultura

La crisi economica non risparmia il mondo dei Beni Culturali. La difficoltà nel reperire i finanziamenti per organizzare le mostre e nel mantenere standard di qualità e sicurezza dei siti espositivi è una conseguenza reale. La strategia della prevenzione, ovvero la definizione e condivisione di standard e sistemi di tutela (dai report di analisi del rischio, alla gestione dei prestiti, etc.) potrebbe essere uno strumento efficace per ridurre i costi di gestione legati alla sicurezza.
Questo è il tema che l’Associazione Civita ed AXA Art si propongono di affrontare con il supporto di rappresentanti delle Istituzioni, operatori privati, tecnici e professionisti nel convegno “Arte: la sicurezza a costo zero”, che si terrà a Roma presso la sede dell’Associazione Civita, Piazza Venezia 11.

In un’ottica di confronto e dialogo si parlerà di sicurezza del patrimonio artistico, modelli di prevenzione e contenimento dei costi, della protezione e salvaguardia del patrimonio culturale dai rischi a cui è costantemente sottoposto (dal furto all’incidente in caso di movimentazione dell’opera, dall’atto vandalico al terrorismo fino agli eventi naturali come terremoti, alluvioni, cicloni, etc.). Prendendo spunto dall’esperienza del passato, gli operatori specializzati nei processi di prevenzione e sicurezza (dall’assicurazione, ai trasportatori alle società dedicate ai servizi di safety e security) hanno sviluppato una piattaforma di servizi integrati che, permettendo un miglioramento della sicurezza, garantisce un immediato vantaggio economico per gli organizzatori di mostre.

“Il progetto – ha commentato Roberto Bargnani, amministratore delegato di AXA Art – origina dal lavoro che abbiamo fatto per definire uno standard internazionale per la sicurezza delle sedi espositive. Questo lavoro, finalizzato alla pianificazione delle misure preventive per migliorare la protezione delle opere si lega ad una riduzione dei costi assicurativi per il cliente. Da ciò è nata l’idea di servizi integrati che, con la collaborazione di operatori specializzati in sicurezza e trasporto delle opere, consente di proporre formule innovative per il finanziamento degli interventi in sicurezza, rendendo immediato il beneficio economico per l’organizzatore.” A discuterne sono stati invitati autorevoli esperti del mondo dei Beni Culturali che, sulla base delle specifiche competenze, si confronteranno sulle problematiche legate all’adozione di standard di protezione nelle strutture museali e alla gestione dei prestiti da parte degli organizzatori di mostre, con la difficoltà di far convivere le diverse esigenze delle amministrazioni pubbliche da un lato e delle società private dall’altro.

Si arriverà cosi a tracciare un quadro definitivo che renda il giusto merito non soltanto all’oggetto d’arte, ma anche e soprattutto al suo valore intrinseco e universale. Questo con la condivisione di standard per il prestito delle opere e la creazione di reti internazioneali di coordinamento nella logistica e la tecnologia per la prevenzione e il controllo; il ruolo dei privati nell’organizzazione delle mostre; l’abbattimento dei rischi legati all’esistenza stessa delle opere. Il coinvolgimento degli esperti assicurativi assieme a storici dell’arte nella valutazione del rischio sito museale, studio di copertura assicurative più efficaci e meno costose. Fine ultimo sarà l’ideazione di un nuovo modello di sicurezza per ottimizzare i costi di gestione e massimizzare l’efficacia, garantendo a tutti la fruizione del patrimonio culturale.

Per maggiori informazioni visitate il sito web ufficiale dell’Associazione AXA Art, sezione news ed eventi (www.axa-art.it).

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.