Dal CNR costruzioni antisismiche in legno

“Ottimo lavoro, è un giorno memorabile, questo progetto italiano è destinato a cambiare il modo di costruire le case in tutto il mondo”. Parole dette da Yoshimitsu Okada, tra i maggiori studiosi al mondo nel campo dei terremoti, per complimentarsi con il prof. Ario Ceccotti, direttore dell’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Consiglio nazionale delle ricerche (Ivalsa-CNR) ideatore di Sofie: casa di legno di sette piani e alta 23,5 metri, realizzata nei laboratori Ivalsa-Cnr di San Michele all’Adige (Trento) che ha resistito con successo al test antisismico considerato dai giapponesi il più distruttivo per le opere civili: la simulazione del terremoto di Kobe. Mai prima di quel lontano ottobre 2007, al mondo una struttura interamente di legno aveva resistito ad una simile forza d’urto. Il test era il risultato finale di studi e ricerche durate cinque anni, individuando nella combinazione di materiali e connessioni meccaniche del prodotto la tecnica costruttiva ideale contro i terremoti.

Giampaolo Giuliani, tecnico di ricerca presso il laboratorio nazionale del Gran Sasso, studioso del gas radon (elemento chimico che si forma dal decadimento del radio con espulsione di un nucleo di elio, generato a sua volta dal decadimento dell’uranio) afferma che, attraverso uno strumento di rilevazione del radon (rivelatore gamma), è possibile rilevare nel continuo flusso di tale elemento il precursore sismico che si presenta da 6 a 24 ore prima di un terremoto. Questo in quanto la sua emissione in atmosfera è fortemente influenzata dalla conformazione geologica, e in caso di variazioni di pressione o di movimenti delle faglie si è notata una variazione delle emissioni del gas (mediante centraline interrate a tre metri nel suolo). Giuliani, al centro di un’aspra polemica sulle sue teorie, auspica una rete di questi “precursori” che potrebbe garantire una capacità predittiva di grande rilevanza umana e sociale.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.