Cresce l'esportazione dei prodotti italiani nel 2008

By 2 Febbraio 2009 Economia

In un momento in cui non si sente parlare altro che di crisi, c’è un dato confortante per il nostro Paese. Secondo l’Istat crescono infatti le esportazioni, che nello scorso mese di dicembre hanno fatto un ulteriore passo, consolidando un risultato che nel 2008 ha raggiunto un traguardo più che significativo: una crescita del nostro export del 3%, eguagliando la Germania e sorpassando la Francia. Il nostro sistema produttivo sembra resistere meglio di quello degli altri paesi. Il surplus manifatturiero italiano con i Paesi extra UE ha toccato nel 2008 la cifra record di 46,1 miliardi di euro che, sommati al surplus di 15,4 miliardi conseguito con i Paesi UE nel solo periodo gennaio-novembre 2008, porta il bilancio provvisorio e solo parziale del nostro attivo per i manufatti a 61,5 miliardi.

Nel peggior anno che si ricordi per l’economia mondiale il made in Italy ha dunque brillato come non mai. Conseguire lo stesso risultato per il 2009 sembra difficile a causa della recessione mondiale ma tutto ciò dimostra che il livello di competitività raggiunto dalle imprese italiane è elevato. Anche nei mercati più in flessione si sono registrati risultati positivi. Nel solo mese di dicembre, negli Stati Uniti le nostre esportazioni di alimentari e vini sono aumentate del 15,5%, quelle di prodotti meccanici del 9,6%. Ma il vero boom è stato registrato con i Paesi Opec dove è stato registrato un autentico record di vendite di prodotti italiani: il nostro export complessivo ha raggiunto nel corso dell’intero 2008 i 21,1 miliardi di euro. Ottime anche le esportazioni in Cina soprattutto per il tessile-abbigliamento e i prodotti meccanici. In ripresa anche in Giappone le esportazioni di tessile-abbigliamento e cuoio-calzature. Ma i risultati più rilevanti verso il Paese del Sol Levante sono stati messi a segno dagli alimentari-vini e dalla chimica.

Finalmente buone notizie anche dal mondo dell’economia!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.