Diminuire in modo netto il costo della benzina e risparmiare oltre 400 euro all’anno per famiglia: tutto ciò è una realtà possibile per il Coordinamento Nazionale Unitario dei Gestori FAIB-Confesercenti e FEGICA-CISL che non si sono limitati solamente ai buoni propositi, ma hanno anche presentato un Disegno di legge di riforma del settore petrolifero, una proposta legislativa di iniziativa parlamentare avanzata con il sostegno popolare. L’iniziativa che si chiama “Libera la benzina! Mettici la firma” mira a raccogliere, entro fine maggio, le 500mila firme necessarie per poter depositare la proposta in Parlamento.       

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.