Neo genitori: un aiuto dal Fondo Nuovi Nati e dai Bonus Bebè

By 17 Dicembre 2011 consumi, Economia

 Quando la famiglia si allarga per l’arrivo di un bimbo, oltre ai momenti di gioia, crescono inevitabilmente anche le spese quotidiane. Per i genitori può essere utile, soprattutto nei primi tempi, un sostegno economico per far fronte alle necessità del nuovo arrivato. Una buona soluzione è rappresentata dal Fondo Nuovi Nati, che Governo e Abi hanno prorogato fino al 2013 e che permette alle famiglie di ottenere un prestito agevolato fino a 5 mila euro. Inoltre, le Regioni mettono a disposizione delle famiglie più disagiate dei Bonus bebè per i neogenitori.

Non va trascurato il fatto che, nel qual caso la famiglia non risultasse meritevole di ricevere del credito a causa di trascorsi non proprio ineccepibili relativi alla difficoltà di corrispondere alcuni pagamenti, non mancano anche soluzioni disponibili per cattivi pagatori, alle quali affidarsi in caso di estrema necessità.

Il Fondo Nuovi Nati prevede l’erogazione di un prestito agevolato d’importo massimo pari a 5.000 euro, restituibile in 5 anni. In base all’accordo stipulato tra Governo e Abi, il TAEG di questi finanziamenti non può superare il 50% del tasso effettivo globale medio (TEGM) in vigore al momento in cui il prestito viene concesso. La domanda per l’erogazione del prestito personale per il neonato deve essere presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di nascita o di adozione del bambino, compilando un apposito modulo nel quale viene certificato il possesso dei requisiti richiesti. Non è sufficiente specificare la finalità del prestito. Dopo aver ottenuto il credito, i genitori possono estinguerlo entro 5 anni, in un’unica soluzione oppure in rate da stabilite alla firma del contratto.
Oltre al Fondo Nuovi Nati, esiste anche il cosiddetto Bonus Bebè, un contributo erogato dalle Regioni per sostenere i nuclei familiari svantaggiati che abbiano bambini nati tra l’1 e il 31 dicembre 2011. In questo caso, le richieste vanno inoltrate entro il 31 gennaio 2012. Chi non possiede i requisiti indispensabili per accedere a questi aiuti, può cercare sul mercato la soluzione di prestito più adatta alle proprie esigenze, anche con l’aiuto dei servizi di confronto prestiti on line.

No Comments

Leave a Reply