AGCOM: nuova agenda digitale in sette punti

di 18 Gennaio 2012Consumi, Economia

Navigare in rete dal proprio pc di casa è ormai un’operazione così familiare che spesso non si ricorda di quanto recente sia l’evoluzione non solo del computer, ma anche di internet. La maggior parte delle famiglie, ormai, ha una connessione internet, per non parlare delle imprese che su questo servizio fondano gran parte del proprio lavoro. Essere in grado di verificare la copertura e la velocità della linea adsl sul proprio territorio, ma soprattutto capire quali quali sono le tariffe per la connessione più economiche è diventato estremamente importante.
Gli operatori di telefonia mobile sono ben consapevoli di questa esigenza sempre crescente, infatti includono la possibilità di navigare in rete, spesso illimitatamente, nei loro pacchetti. Per risparmiare, quindi, basta confrontare le offerte per voce e internet adsl più vantaggiose non solo dal punto di vista economico ma anche come soddisfazione delle proprie esigenze. Per diverse abitudini di navigazione, infatti, esistono diversi profili di utenti e quindi diverse tariffe.

Con un programma rivolto a Governo e Parlamento, l’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) punta ad una digitalizzazione del nostro paese, riponendo tutto nelle mani del Ministro per lo Sviluppo economico. Si tratta di un programma suddiviso in sette punti, conl’obiettivo di dare avvio ad un radicale processo di modernizzazione e diffondere l’uso delle nuove tecnologie, a cominciare da internet adsl. Obiettivo ultimo è la creazione di un’agenda digitale, che sia già operativa in occasione della prossima presentazione delle misure governative.

“L’Italia è un Paese che si sta digitalizzando troppo lentamente – lungo un percorso del tutto peculiare – si legge nella nota – e dove ancora non si pensa digitale. Questa mancanza di prospettiva – che accomuna imprese, istituzioni e consumatori – si traduce in deficit di interventi mirati in settori diversi, anche separati da un punto di vista industriale dalla filiera propriamente ICT; il che, in pratica, rallenta anziché agevolare il passaggio al digitale”.
Premessa dunque l’importanza di un’agenda digitale, vediamo i sette punti nello specifico:
1. Migliorare l’alfabetizzazione digitale. Si intende un potenziamento dell’insegnamento digitale su tutti i livelli oltre che la promozione di servizi facili da utilizzare messi a disposizione dell’utente.
2. Promuovere le transazioni online. Si tratta di un cambiamento che riguarda la messa in sicurezza dei sistemi di pagamento online, al fine anche di risollevare una maggiore fiducia nel cittadino che troppo spesso guarda con sospetto a questo ambito del digitale.
3. Promozione dell’e-commerce, che deve avvenire attraverso lo sviluppo della tecnologia NFC, introducendo magari Pos NFC negli uffici postali o nei servizi di vendita locali.
4. Realizzazione di reti di nuova generazione. L’AGCOM propone, in questo senso, nuove forme di collaborazione tra i diversi operatori, per riuscire ad avere una copertura omogenea del territorio.
5. Migliorare la sfera d’azione della radio. L’AGCOM chiede un allineamento alle soluzioni già adottate dall’Unione Europea in materia di gestione dello spettro radio.
6. Favorire i contenuti digitali. L’AGCOM chiede in sostanza una equa distribuzione dei contenuti sia con modalità tradizionali sia via Internet. In quanto Autorità, chiede anche maggiri poteri nell’ambito delle rilevazioni di indici di ascolto e di diffusione dei mezzi di comunicazione
7. Promozione del telelavoro, che “può offrire benefici notevoli in termini di flessibilità di impiego del personale, riduzione dei costi operativi e aumento della qualità della vita”.

Nel loro piccolo, anche i singoli utenti possono contribuire ad una maggiore diffusione del web, dotandosi di una moderna connessione da scegliere con l’aiuto di SuperMoney, l’unico portale accreditato dall’Agcom per la trasparenza dei servizi di confronto nell’ambito di telefono e adsl.

UNISCITI A NOIScopri finalmente come informarti senza allarmismo, titoli strillati e fake news!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.