Rc auto: proposta ACI per tagliare i prezzi

By 6 Aprile 2012 Economia, risparmio

Ormai è un’amara certezza: le polizze auto italiane sono tra le più care in Europa. Questo non significa però che si debba pagare il prezzo più alto in assoluto: quello che contraddistingue gli automobilisti italiani da quelli degli altri Paesi è proprio la propensione al risparmio e, di conseguenza, l’attitudine a confrontare le migliori assicurazioni auto per riuscire a individuare la formula che, al prezzo più vantaggioso, offra la copertura richiesta in relazione alle proprie abitudini di guida.
Per orientarsi nel mercato delle polizze assicurative, sempre più dinamico e ricco di offerte, si possono confrontare i prodotti Genertel, Linear, Quixa e così via per trovare quello più conveniente. Inoltre le polizze auto sono sempre più personalizzabili: ad esempio, se si utilizza l’auto solo in determinati periodi dell’anno si può sottoscrivere una polizza sospendibile, mentre se si percorrono meno di 5mila chilometri l’anno si può optare per una a chilometraggio.

Inoltre, per contrastare i prezzi sempre più elevati delle polizze, oltre alle novità introdotte dal Decreto Liberalizzazioni per ridurre le tariffe, interviene adesso anche l’ACI per cercare di contrastare il caro-Rca, con una proposta di legge presentata al Governo che punta a raggiungere una diminuzione sui costi dell’Rc auto del 40% circa.
A presentare il progetto è stato il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, che ha spiegato come una simile proposta miri da una parte a dare un forte “scossone” al fenomeno delle frodi assicurative e dall’altra a frenare l’ammontare dei risarcimenti per gli incidenti stradali, così da ridurre i costi della responsabilità da sinistro del 30% circa a livello nazionale – con una media tra il 15% e il 40% nelle varie province italiane.
E ancora, il presidente dell’Automobil Club d’Italia ha spiegato come “con questa proposta l’ACI intende dare il proprio contributo concreto alla possibilità per gli automobilisti di sopportare i costi delle assicurazioni ormai divenuti insostenibili, soprattutto dopo i forti rincari degli ultimi due anni, incidendo in maniera forte anche sul problema della sicurezza stradale”.
Il direttore generale di Sara Assicurazioni, Alessandro Santoliquido, è entrato nel vivo di questo progetto. Come spiegato da Santoliquido, il progetto di legge targato ACI è composto da 4 articoli e 4 raccomandazioni e prevede l’introduzione di diverse novità, quali ad esempio: il termine di decadenza di 90 giorni per la richiesta di risarcimento contro i due anni della normativa vigente, il risarcimento dei danni materiali in forma specifica, la risarcibilità del danno alla persona solo quando è oggettivo e dimostrato, la perizia obbligatoria sui danni materiali in 5 giorni e non più in soli 2 giorni, e molto altro.
Nell’attesa che i diretti interessati, ovvero gli automobilisti di tutta Italia, possano trarre vantaggio da quella che è ancora solo una proposta, l’unica cosa da fare è una ricerca puntuale e dettagliata della migliore polizza assicurativa tra quelle presenti sul mercato.
In questo senso, il consiglio è quello di consultare i servizi di confronto on line come SuperMoney, che in pochi istanti permette di capire quale sia la migliore compagnia cui affidarsi per la propria quattro ruote, confrontando le proposte di 20 compagnie tra cui Genertel, Quixa, Direct Line e molte altre.

Leave a Reply