UE: da green economy, 5 milioni di posti di lavoro

By 5 Giugno 2012 Economia, Lavoro

Lo sviluppo delle energie rinnovabili e l’applicazione di singole misure per una maggiore efficienza energetica hanno il potenziale di creare fino a 5 milioni di nuovi posti di lavoro nel settore dell’economia verde entro il 2020: lo ha detto il commissario UE all’Occupazione, Laszlo Andor, durante la presentazione di un rapporto realizzato dall’Ocse sul potenziale impatto sul lavoro legato alla migrazione verso un’economia a basse emissioni di CO2.

”Abbiamo stimato che il potenziale occupazionale legato allo sviluppo delle energie rinnovabili e’ di 3 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2020 e quello legato all’attuazione di singole misure di efficienza energetica e’ di ulteriori 2 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2020”, ha detto il commissario durante una conferenza stampa congiunta con il vice segretario generale dell’Ocse, Yves Leterme.

Solo la migliore gestione dei rifiuti, ha sottolineato Andor, potrebbe creare oltre 400.000 posti di lavoro entro il 2020. Ma le previsioni della Commissione europea non si fermano a questa data.

Secondo il commissario, infatti, una riduzione del 17% del fabbisogno di materie prime a livello UE potrebbe creare tra 1,4 e 2,8 milioni di posti di lavoro entro il 2025, così come il riciclo di ”materie chiave” potrebbe aggiungerne altri 560.000 .

”Il rapporto della Ocse conferma che la crescita verde sarà uno dei motori principali del cambiamento strutturale nella nostra economiaha commentato il commissario -. Esso sottolinea, inoltre, l’importanza delle giuste politiche del mercato del lavoro per facilitare questa transizione e per massimizzare i benefici della crescita verde per i lavoratori”.

Fonte: www.ansa.it

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.