Rc auto: tariffe biennali per i guidatori virtuosi

Scegliere una buona assicurazione per la propria vettura o motociclo può rivelarsi abbastanza complesso, specie in un Paese come l’Italia in cui i costi delle Rca si attestano su cifre abbastanza elevate. Per trovare le assicurazioni auto più convenienti il modo migliore è confrontare le assicurazioni auto delle principali compagnie, prestando attenzione alle novità del mercato e alle norme di legge.

Sono passati alcuni mesi dall’approvazione del Decreto legislativo sulle Liberalizzazioni con una serie di norme finalizzate all’abbassamento dei prezzi dell’Rc auto a favore dei consumatori.  In particolare, il Decreto prevede l’introduzione delle tariffe biennali per i guidatori virtuosi, che dovrebbero godere, in assenza di incidenti, di un adeguamento automatico del premio assicurativo.

Ma le tariffe biennali sono la soluzione giusta per stipulare una polizza assicurativa vantaggiosa? Proprio per tentare di fare chiarezza in merito alla questione, l’Isvap (organo di vigilanza sulle Assicurazioni) ha recentemente incontrato i rappresentanti delle principali Associazioni dei Consumatori (Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Assoutenti, Federconsumatori, Lega Consumatori).

Frutto dell’incontro è stata una rinnovata insistenza da parte dell’Isvap perché venga attuato presto un meccanismo di scorrimento automatico: la riduzione del premio assicurativo del successivo anno, per l’assicurato non coinvolto in alcun sinistro, deve esser comunicata al momento della stipula della polizza assicurativa, così che eventuali aumenti tariffari non abbiamo alcuna influenza sulla riduzione del premio.  Il punto di vista dell’Isvap ha, naturalmente, ottenuto il massimo appoggio da parte delle Associazioni dei Consumatori.

A mettere i “bastoni tra le ruote”, però è intervenuta l’Ania, la Confindustria delle Assicurazioni. Questa la dichiarazione rilasciata dall’Ania: “La norma che prevede, nei contratti Rc auto con formula bonus/malus, la riduzione automatica del premio in assenza di sinistri è stata interpretata dall’Isvap nel senso di garantire all’assicurato, all’inizio di una nuova annualità, il pagamento di un premio inferiore a quello pagato nell’annualità precedente. Per far ciò, l’interpretazione introduce una soluzione, di cui non vi è traccia nella norma, secondo la quale dopo il primo anno a premio ridotto l’impresa può indicare che nell’anno ancora successivo il premio potrebbe variare in relazione al mutato aumento del fabbisogno tariffario”.

In attesa di scoprire come si comporteranno le compagnie assicurative, un sistema sicuro per risparmiare è confrontare più di un preventivo assicurazione auto alla ricerca dell’offerta più conveniente.

Il modo più efficace per stimolare l’abbassamento dei prezzi delle assicurazioni è aumentare la libera concorrenza sul mercato cosicché le varie compagnie possano offrire agli automobilisti prezzi sempre più bassi. Nel suo piccolo il consumatore può fare ciò mettendo a confronto le varie offerte e scegliere la più conveniente.

Per orientarsi nella scelta delle tariffe più vantaggiose è possibile farsi aiutare dal web e da particolari strumenti come i comparatori online che mettono a confronto le migliori offerte. Per trovare il prodotto più adatto alle proprie esigenze sarà sufficiente inserire i propri dati una sola volta nel calcolatore e aspettare i risultati.

Da ricordare sempre, però, è che una volta scelta la compagnia assicurativa considerata più vantaggiosa dovremo concordare i termini contrattuali soprattutto per quanto riguarda garanzie accessorie e massimali. Il premio assicurativo finale sarà la somma di tutti i prodotti scelti.

Come abbiamo visto le novità nel mondo dell’Rc auto sono in costante mutamento ed evoluzione e quindi rimane sempre importante informarsi e tenersi aggiornati sui nuovi provvedimenti. Il servizio dell’Isvap, a tutela dei consumatori, è fatto proprio per questo.

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.