Le imprese italiane cercano oltre 65.000 candidati da assumere

Presentatati a Job&Orienta 2012 i dati della ricerca di Excelsior/Unioncamere sui profili “introvabili”, sui titoli di studio più spendibili e sulle professioni con maggiore sbocco occupazionale.

In piena crisi e con un calo generalizzato della domanda di lavoro da parte del sistema produttivo, però, molti posti di lavoro rischiano comunque di rimanere vacanti perché i candidati sono difficili da reperire. Lo dice un approfondimento dell’analisi annuale del sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, presentata a Job&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Su oltre 406.000 assunzioni non stagionali previste dalle imprese dell’industria e dei servizi per il 2012, ben 65.500 (pari al 16,1% del totale) sono segnalate dalle imprese per la “difficoltà di reperimento”.

Gli ingegneri sono i profili più difficili da trovare, gli infermieri i più ricercati. E mancano anche diplomati ad indirizzo tecnico e specialistico.

Fonte:  Encanta

No Comments

  • Lina ha detto:

    Conosco tanti infermieri e oss specializzati che sono disoccupati ed al massimo trovano un lavoro per un paio di mesi.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!