Parola al consumatore: la community dello shopping

By 8 Luglio 2013 Economia, risparmio

La crisi non è solo negativa. Come tante teorie economiche dimostrano essa ha anche un aspetto formativo. Un esempio su tutti è il ruolo del consumatore, divenuto, complici le difficoltà economiche, sempre più attento a quello che compra: controlla i prezzi, va a caccia della miglior promozione, e valuta bene il rapporto costo e qualità. In questa direzione il web si è trasformato in uno spazio di scambio dove gli utenti non solo acquistano, ma si consigliano a vicenda. Tra questi spazi di interazione e confronto spicca eSaldi.it, un comparatore di prezzi che include i più importanti siti e-commerce, quali Zalando, Asos e Spartoo: l’obiettivo di eSaldi è, infatti, quello di creare un nuovo punto di riferimento che faciliti lo scambio di informazioni e l’interazione, dal momento che i siti possono essere valutati dagli utenti stessi.

eSaldi è stato lanciato in Italia dalla Global Leads Group, azienda di digital media internazionale fondata a Berlino nel 2011, che ha lanciato portali e-commerce in dieci mercati emergenti, tra cui Brasile, Russia e Messico, interessando settori come shopping, lifestyle, beauty e fashion. Supportata da due dei più importanti Business Angel tedeschi: Klaus Hommels (Skype, Facebook, Spotify e Xing), e Oliver Jung (Airbnb, Xing e Facebook), la Global ha da poco rinnovato eSaldi.it, trasformando il sito in una vera e propria community per lo shopping online in Italia, dove gli utenti non solo possono risparmiare e acquistare grazie ai numerosi codici sconto esclusivi, ma anche condividere le proprie esperienze e-commerce.

Le sezioni di eSaldi comprendono abbigliamento, calzature delle migliori marche, articoli sportivi, prodotti per la casa e molto altro. Immediata anche l’usabilità: all’utente basta andare su eSaldi e, una volta scelto l’articolo ricercato, verrà direttamente indirizzato allo shop. Inoltre tutti i coupon sono gratis e non è necessaria alcuna iscrizione. Per cui, buono shopping consapevole a tutti!

BuoneNotizie.it

About BuoneNotizie.it

BuoneNotizie nasce nell'ottobre del 2001, inizialmente con il dominio .net. Da allora sono stati pubblicati oltre 8.000 articoli grazie al contributo gratuito di oltre 1.500 utenti, di cui alcuni sono diventati giornalisti pubblicisti grazie allo stage remunerato annesso al percorso di formazione dell'Associazione Italiana Giornalismo Costruttivo per diventare giornalista pubblicista.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.