Pagamenti elettronici, più comodi delle carte di credito

Le transazioni contactless saranno 52 miliardi, con un milione di terminali NFC installati in tutta Europa: le previsioni di Visa per il prossimo semestre.

 

Le carte sono tra i prodotti bancari più richiesti dai clienti delle banche, ne esistono di svariate tipologie e agevolano i consumatori nell’effettuare pagamenti tramite POS, transazioni online, e così via. Dal momento che sul mercato sono presenti moltissimi prodotti per individuare quello più adeguato alle nostre richieste possiamo confrontare le migliori carte di credito con le carte prepagate e le carte revolving così da capire quale sia la soluzione più vantaggiosa.

Complice il boom degli smartphone, nel nostro Paese stanno prendendo sempre più piede i cosiddetti mobile payments per mezzo della tecnologia NFC che consente di effettuare pagamenti contactless in prossimità.

Su questo tema il colosso dei pagamenti Visa stima che entro la fine dell’anno verranno effettuati 52 miliardi di transazioni contactless al mese. A capo dei pagamenti elettronici ci saranno i telefoni di ultima generazione, che, grazie ai servizi Visa PayWave, si trasformeranno in veri e propri portafogli digitali.

Sandra Alzetta, responsabile del mobile business del circuito di pagamento Visa, ha fatto sapere che “entro il 2020 metà del volume d’affari in Europa sarà generato dai cellulari”. Ovviamente, la carta di credito continuerà a rivestire un ruolo fondamentale per i pagamenti, mentre il denaro contante avrà sempre più vita dura a causa dei pagamenti contactless.

Per prepararsi a questa sfida, Visa sta definendo alcune collaborazioni con aziende leader nel campo Mobile, per poter così implementare il numero di smartphone con già preinstallato Visa PayWave. Fra i partner più prestigiosi, abbiamo Telco del calibro di Vodafone e Telefonica, ma anche la Samsung.

Secondo Visa, entro la fine dell’anno avverranno 52 miliardi di pagamenti mobili al mese, che inevitabilmente finiranno per segnare un nuovo record dopo i 147 milioni di pagamenti wireless raggiunti nel 2012. Nei punti vendita europei saranno, inoltre, installati un milione di terminali abilitati alle transazioni via NFC. Tra le altre cose, i commercianti potranno impiegare i dati dei pagamenti contactless per offrire informazioni e/o promozioni mirate ai potenziali clienti.

“Entro fine anno saranno 80 i dispositivi dotati di Visa PayWave” – la stima di Visa, che già si sta preparando alla rivoluzione in atto.

 

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.